Google contro le criptovalute: "non sono monete reali". E deride i "minatori"

di

L'ultima pubblicità di Google è sicuramente destinata a far discutere a lungo, in particolare il mondo dei così detti miner di criptovalute. Come si può vedere nel filmato che vi proponiamo in calce, il colosso dei motori di ricerca ha apertamente preso in giro i così detti "minatori" delle monete virtuali.

Prima di commentare il filmato, è bene specificare per i meno esperti che i minatori sono quegli utenti che mettono a disposizione i propri computer (e quindi l'energia elettrica) per eseguire i calcoli necessari all'estrazione delle criptovalute.

Google si è concentrata proprio su questi, deridendo l'alto consumo di elettricità derivato dai miner delle criptovalute, affermando senza mezzi termini che "non sono monete reali".

"Beh, il mining delle criptovalute richiede molta energia" sostiene uno dei due personaggi, a cui risponde l'altro senza mezzi termini con una frase quanto mai indicativa: "criptovaluta... quei soldi non solo reali!".

E' quanto mai interessante notare come Google abbia utilizzato il termine "criptovalute" per i propri scopi professionali, nonostante negli ultimi tempi abbia bandito tutte le pubblicità collegate a questo mondo.

E' probabile che il tutto sia collegato proprio al messaggio forte voluto lanciare dalla società, anche per far diventare lo spot virale e spingere le condivisioni e discussioni sui social.

FONTE: TheNextweb
Quanto è interessante?
5

Le migliori offerte per i tuoi Regali di Natale 2018: videogiochi, console, hi-tech, smartphone, PC Gaming, TV 4K e tanto altri altri prodotti a prezzo scontato su Amazon, per un Natale da sogno a piccoli prezzi.