Google crea il microscopio che sfruttando la realtà aumentata può rilevare il cancro

di

Nel corso di un discorso tenuto presso l'American Association for Cancer Research, i ricercato di Google hanno parlato di un prototipo di microscopio a realtà aumentata che potrebbe essere utilizzato per aiutare i medici a diagnosticare il cancro nei pazienti.

Fondamentalmente, quando i patologi stanno analizzando il tessuto biologico per vedere se ci sono segni di cancro, il processo può richiedere molto tempo. Google sostiene che la pratica possa beneficiare degli strumenti di deep learning e dell'intelligenza artificiale.

La compagnia di Mountain View però ritiene anche che il microscopio potrebbe consentire a gruppi con fondi limitati, come piccoli laboratori e cliniche o paesi in via di sviluppo, di trarre vantaggio da questi strumenti che sono estremamente facili da usare. Big G, nella fattispecie, sostiene che questo ambito potrebbe "aiutare ad accelerare e democratizzare l'adozione di strumenti di deep learning per i patologi di tutto il mondo".

Il microscopio, come si può vedere nel filmato che vi proponiamo in apertura, si tratta di un normale microscopio ottico, come quelli usati dai patologi di tutto il mondo. Google però ha apportato alcuni aggiustamenti per introdurre la tecnologia d'IA e la realtà aumentata. Le reti neurali sono addestrate per rilevare le cellule cancerose nei tessuti umani. Quindi, dopo aver posizionato una diapositiva con tessuto umano sotto il microscopio modificato, la stessa immagine che una persona vede attraverso gli oculari dell'oscilloscopio viene inserita in un computer. A questo punto gli algoritmi d'IA rilevano le cellule tumorali del tessuto, in modo tale che un sistema possa effettuare la scansione. Il tutto viene fatto in tempo reale e la procedura è abbastanza veloce, in modo tale che un patologo possa spostare una diapositiva per guardare una nuova sezione di tessuto.

Ad oggi, il team di Google ha mostrato il prototipo all'opera con tumori della mammella e della prostata, ed il sistema si è dimostrato essere piuttosto accurato nelle sue valutazioni. Google sostiene che una tale configurazione potrebbe essere utilizzata per rilevare altri tumori e malattie infettive come la tubercolosi e la malaria. Potrebbe inoltre anche essere usato per visualizzare altri dati o malattie della vista.

Google ha affermato che "i microscopi ottici si sono dimostrati utili in molti settori diversi dalla patologia, e crediamo che questo microscopio basato sulla realtà aumentata possa essere adatto per una vasta gamma di applicazioni tra sanità, ricerca di scienze biologiche e scienze dei materiali".

Lo studio ovviamente è ancora nelle fasi preliminari, a lo stesso motore di ricerca sostiene che sono necessarie altre valutazioni per colmare le carenze del sistema.

FONTE: Engadget
Quanto è interessante?
4