Google e il British Museum insieme per le mostre digitali

di

Google e il British Museum hanno annunciato una partnership mediante la quale l'offerta di mostre digitali intorno al mondo del Google Cultural Institute dovrebbe espandersi. Tale evento rappresenta la più grossa collaborazione nella storia per progetti del genere, e qualcosa come circa 5.000 oggetti sono già scannerizzati e messi online.

"La fantasia dell'Illuminismo (in formato digitale, ndr), circa 25 anni è diventata una possibilità grazie ad internet, ed oggi, grazie al Google Cultural Institute, essa è una pratica realtà. Ogni persona sul nostro pianeta, che risieda in Brasile o Cina, in Mozambico o in India, sarà capace di camminare per il British Museum", ha detto Nei MacGregor, direttore della struttura.

Quello che è rilevante non è tanto il numero di oggetti posti sotto scan (ci sono infatti circa 3 milioni di pezzi di varie forme presi proprio dal British Museum), ma la semplicità con cui essi sono accessibile al pubblico. Semplicemente andando sulla pagina del Google Cultural Institute potrete cercare per gli oggetti caricati.
Google ha anche effettuato degli sforzi per offrire altissima qualità. Di certi pezzi, infatti, zoomando abbastanza si possono intravedere delle increspature che nemmeno essendo fisicamente al museo riusciremmo a cogliere, poiché dovremmo avvicinarci troppo all'oggetto.

Potete quindi usare Street View per vagare per il museo come se foste lì fisicamente, piuttosto che guardare delle immagini in 2D. E noi già godiamo di un viaggio del genere con la realtà virtuale.

Quanto è interessante?
0
Google e il British Museum insieme per le mostre digitali