Google ha iniziato il rollout del primo aggiornamento mensile per i propri Nexus

di

Come promeso, Big G ha iniziato oggi a consegnare il primo aggiornamento di sicurezza. Esso arriverà a tutti i Nexus che hanno meno di tre anni.

L'update non porta un rinnovato numero di versione per Android, ma Google ha semplicemente cambiato la sigla della build, che adesso si chiama LMY48M.
La riceveranno tutti i possessori di Nexus 4, 5, 6, 7, 9 e 10. La build LMY48N è invece destinata al Nexus Player.
Entrambe son comunque basato su Android 5.1.1 Lollipop.

L'update si concentra principalmente a risolvere i problemi di memory overflow, che possono potenzialmente divenire un exploit. C'è anche un fix per una vulnerabilità moderata che permetterebbe ad alcune applicazioni di bypassare l'SMS che avverte l'utente che il software utilizzato potrebbe comportare de costi.

La palla adesso passa ai partner, che dovranno impegnarsi per portare questi aggiornamenti di sicurezza su quanti più dispositivi possibile. Google ha fatto un ottimo lavoro anche con dispositivi più vecchi come il Nexus 4 - che ricordiamo essere uno smartphone dell'oramai lontano 2012 -, ma molti OEMs hanno ancora dispositivi non aggiornati, e scommettiamo che rimarranno in questa condizione.

Samsung ed LG sono le altre che hanno promesso security updates mensilmente, quindi i device di tali aziende dovrebbero essere correttamente patchati. 
Purtroppo numerose grosse società sono ancora a secco da questo punto di vista: la prima che ci viene in mente è per esempio Sony. Speriamo che si diano una mossa, perché Stagefright ha testimoniato quanto la sicurezza sia un fattore di primaria importanza.

Quanto è interessante?
0