Google: la Corte Suprema rigetta un altro ricorso del colosso

di

Un'altro ricorso avanzato da Google è stato rifiutato dalla Corte Suprema degli Stati Uniti. Questa volta contenzioso era una azione legata intentata da alcuni inserzionisti Californiani nel lontano 2008. Il merito della vicenda legale riguarda alcuni annunci acquistati attraverso AdWords e la collocazione di quest'ultimi.

Secondo quanto scritto nella Class Action, il colosso di Monatin View non avrebbe notificato agli inserzionisti che i siti su cui apparivano i loro annunci, erano in realtà pagine di errore o quelli che si in gergo vengono chiamati "domini parcheggiati".
Nel 2012 un giudice federale aveva negato lo status di "Class Action" agli inserzionisti, ma tale discussione era stata poi ribaltata dalla corte di appello federale.
Di oggi la notizia che l'appello di Google è stato rigettato dalla Corte, permettendo cosi all'azione collettiva di proseguire nel suo iter.
Per il momento l'azienda non ha dichiarato nulla al riguardo, noi provvederemo ad aggiornare l'articolo qualora ci fossero aggiornamenti sulla vicenda.

FONTE: TechCrunch
Quanto è interessante?
0