Google lancia globalmente lo standard RCS nell'app Messaggi: cos'è e come funziona

Google lancia globalmente lo standard RCS nell'app Messaggi: cos'è e come funziona
di

Google ha finalmente rilasciato in tutto il mondo lo standard di messaggistica di nuova generazione che dovrebbe sostituire gli SMS nei prossimi anni, ovvero i servizi di chat RCS tramite l’app Android Messaggi, abilitando allo stesso tempo la crittografia end-to-end per ogni conversazione con i nostri amici e parenti.

Innanzitutto, è doveroso specificare cos’è la chat RCS: acronimo di Rich Communication Services, consiste in un protocollo di telefonia mobile che mira a sostituire gli SMS in quanto permette di inviare anche file multimediali come GIF, registrazioni vocali, immagini e video. Attualmente sono tantissimi gli operatori che supportano lo standard RCS e tra questi figurano anche Telecom Italia, Vodafone nel nostro paese, ma anche aziende come Samsung, Asus, Huawei, Motorola, Google e Microsoft.

Questa presa di iniziativa da parte del colosso di Mountain View è essenziale in quanto permetterà a chiunque installi e utilizzi come app di testo predefinita Messaggi, sviluppata proprio da Google e disponibile nel Play Store, di usare direttamente tale standard presumibilmente aggirando l’implementazione da parte del proprio operatore telefonico, processo spesso lento o non funzionante. Ora che le chat individuali verranno crittografate end-to-end, poi, né i gestori né Google potranno accedere al contenuto di tali messaggi.

Ed è proprio questo il grande punto di forza dello standard RCS, oltre alla condivisione di file multimediali: la protezione della privacy degli utenti. In questo modo gli operatori potrebbero spingere ancora di più la concorrenza e le altre aziende a offrire e garantire questa nuova chat fino alla sostituzione de facto degli storici SMS. Un passo importantissimo sarebbe la decisione da parte di Apple di adottare questo protocollo, ampliando il bacino di utenza con accesso a questa funzionalità.

Fino a quando le compagnie non decideranno di “unirsi” e rendere obsoleti gli SMS, però, bisognerà adeguarsi all’esistenza di questi due mezzi. Il fatto che Google abbia annunciato oggi di avere completato la diffusione globale del servizio RCS, oltre che la crittografia end-to-end, rimane comunque un segnale importante. C’è da dire, comunque, che si tratta di una beta accessibile solo agli utenti iscritti; non c’è ancora una tempistica precisa del lancio sull’app principale, che in ogni caso avverrà gradualmente.

Per ogni maggiore informazione tecnica, Google ha rilasciato un rapporto completamente dedicato alla crittografia end-to-end implementata all’app Messaggi. Rimanendo nel mondo di Big G, la società di recente ha deciso di dire stop alo spazio illimitato gratuito su Google Foto, un provvedimento che non è affatto piaciuto a molti utenti.

Quanto è interessante?
2