Google non è più in grado di innovare, parola di un ex dipendente

di
Cosa è successo a Google? E' questa la domanda che si pone Steve Yegge, un ex ingegnere del motore di ricerca che ha lasciato da poco la società di Mountain View dopo 13 anni, per unirsi a Grab.

In un lungo post pubblicato su Medium, Yegge ha spiegato tutte le ragioni per cui ha preso questa decisione, e non si può certo dire che sia stato lusinghiero.

L'ex dipendente infatti ha affermato che "la ragione principale per cui ho lasciato Google è data dal fatto che non riesce più ad innovare". Accuse simili in passato sono state avanzate anche nei confronti di altre società della Silicon Valley, come Apple (più di una volta), Facebook e Twitter.

Yegge però va più a fondo e si è scagliato anche contro tutta la filosofia aziendale di Google, accusata di essere diventata "troppo conservatrice", in quanto secondo lo stesso "ha paura di assumersi dei rischi per innovare realmente", ma non ha portato alcun esempio.

Un altro punto su cui si sofferma Yegge è il comportamento di Google, che è stato etichettato come "arrogante". "Dopo tanti anni ho capito che anche una società in cui lavorano molte persone umili può essere arrogante" scrive l'ex ingegnere, che nel lungo post parla di comportamenti di "autocompiacimento" che avrebbe registrato negli ultimi periodi in cui ha lavorato per il motore di ricerca, il quale "ha perso contatto con i clienti".

Secondo Yegge, tra i problemi più gravi di Google figura la lentezza che ci impiega per capire le persone reali. Troppo spesso, ha creato prodotti per impressionare coloro che lavorano in Google, piuttosto che la stragrande maggioranza di esseri umani, che non lo fanno.

Un esempio? Google Plus, il social network fallimentare, che inizialmente sarebbe dovuto essere un prodotto privato ma che poi è diventato disponibile al pubblico. Un "ripensamento patetico" secondo lo stesso, che però è rimasto a lavorare per Google per altri sette anni.

Non mancano le stoccate finali: "Google è diventata al 100 per cento incentrata sui concorrenti piuttosto che sul cliente", si legge nel lungo post in cui Yegge parla di alcuni comportamenti che ha registrato negli ultimi anni in cui ha lavorato per Big G.

Infine, secondo Yegge molti dei prodotti lanciati di recente da Google solo stati distribuiti per contrastare i rivali, piuttosto che innovare realmente.

Il post completo è disponibile qui.

FONTE: CNET
Quanto è interessante?
6