Google, da oggi usare corsivi e grassetti su Docs è semplicissimo con questa nuova feature

Google, da oggi usare corsivi e grassetti su Docs è semplicissimo con questa nuova feature
di

Da molti anni è ormai presente su WhatsApp la possibilità di formattare il testo in grassetto, corsivo e barrato semplicemente utilizzando caratteri speciali come l’asterisco e la tilde prima e dopo la parola o frase di interesse. Ebbene, finalmente la stessa feature sta per giungere anche su Google Docs, assieme ad altre novità!

Google Documenti a partire da oggi supporterà quasi completamente Markdown (linguaggio di markup che consente di aggiungere elementi di formattazione a documenti di testo) consentendo a tutti gli utenti di eseguire la formattazione utilizzando scorciatoie di testo anziché quelle da tastiera. Per esempio, ponendo gli asterischi a inizio e fine parola si otterrà una formattazione in grassetto, mentre con il simbolo del cancelletto si potrà utilizzare un heading diverso rendendo una frase più grande o piccola, ovverosia formattandola come titolo o sottotitolo.

L’annuncio è giunto direttamente da Big G tramite il suo blog ufficiale, dove ha spiegato che per attivare la feature è necessario recarsi su Strumenti > Preferenze e selezionare l’opzione “Rileva automaticamente Markdown”. La decisione di non attivarla per impostazione predefinita è piuttosto logica, dato che molti utenti potrebbero premere erroneamente il cancelletto creando un titolo senza sapere come. Nella nostra prova questa casella è risultata assente, ma la società stessa ha spiegato che il rilascio richiederà “più di 15 giorni” per arrivare a tutti gli utenti Google. In altre parole, potrebbe risultare necessario portare pazienza prima di utilizzare Markdown sui Documenti Google.

Per maggiori dettagli sulle autocorrezioni Markdown supportate da Google Docs, basterà visitare la pagina di supporto linkata in calce alla notizia.

Restando nell’universo di Big G, giusto ieri l’azienda ha rimosso Google Hangouts da Play Store e App Store.

FONTE: Google
Quanto è interessante?
2