Google porta le tecnologie di Pixel 4 sul nuovo Google Nest Hub per... farci dormire!

Google porta le tecnologie di Pixel 4 sul nuovo Google Nest Hub per... farci dormire!
INFORMAZIONI SCHEDA
di

A meno di un anno dal lancio italiano di Google Nest Hub, Google sarebbe al lavoro per integrare un'interessante tecnologia all'interno del principale avversario di Amazon Echo Show. La prossima generazione di Google Nest Hub potrebbe infatti integrare la tecnologia Project Soli.

Dopo essere riuscita a entrare nelle nostre case, l'azienda di Mountain View starebbe provando a entrare "nelle nostre camere da letto", grazie appunto alla tecnologia presente già in Google Pixel 4.

Inizialmente presentato nel 2015, Project Soli è un sensore tuttofare che ad oggi permette a Pixel 4 di acquisire le famose Air Gesture in grado di cambiare traccia audio o silenziare chiamate. Le capacità di Soli sono state implementate anche nello sblocco tramite il riconoscimento del volto, per migliorarne le performance e la velocità. Anche l'ultimo termostato nest vanta la presenza di questo sensore, per rilevare il movimento e svegliarsi dalla modalità di risparmio energetico.

Tornando al nuovo Google Nest Hub, il sensore Soli verrà utilizzato per il monitoraggio del sonno, proponendo all'utente un nuovo utilizzo per l'assistente vocale, ovvero quello di sveglia smart da piazzare sul comodino.

In realtà si può già chiedere all'Assistente Google la qualità del sonno dell'ultima notte, ma solo se collegato a dei servizi appositi. Con il nuovo Nest Hub tutto questo sarà perfettamente integrato nel nostro device.

In attesa della controffensiva di Amazon, che sarebbe al lavoro su una tecnologia simile da implementare su Amazon Echo Show, non vediamo l'ora di provare la nuova generazione di smart speaker con display integrato di entrambe le aziende, soprattutto dopo che Amazon Echo Show ha integrato il servizio di streaming Netflix.

FONTE: SLASHGEAR
Quanto è interessante?
2