Google riceve ultimatum dalla Russia: rimozione dei contenuti vietati o multe salate

Google riceve ultimatum dalla Russia: rimozione dei contenuti vietati o multe salate
di

Mentre gli sviluppatori di casa Google hanno rilasciato l’ultimo aggiornamento per la tastiera Gboard, la società non sembrerebbe essere ben accetta in Russia. I vertici del paese ha infatti minacciato nelle ultime ore un rallentamento dei servizi dell’azienda a meno che non elimini i contenuti che sono stati vietati dal governo.

Secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa Reuters, il governo russo ha dato un ultimatum al colosso di Mountain View ordinando la rimozione di una serie di contenuti, tra cui video che contengono informazioni riguardanti argomenti illegali come droghe, violenza e quelle che i vertici dell’amministrazione considererebbero “organizzazioni estremiste”. Inoltre, secondo l’organo competente Roskomnadzor Big G censurerebbe media russi come RT e Sputnik sulla piattaforma di streaming YouTube.

L’ultimatum dovrebbe scadere nella serata di oggi, martedì 25 maggio 2021; nel caso in cui non dovesse agire secondo quanto richiesto dalle autorità russe, la società statunitense potrebbe incorrere in multe pari a una quota tra gli 800.000 e i 4 milioni di rubli, ovvero poche decine di migliaia di Dollari statunitensi. Il peggio si verificherebbe in caso di “reato ripetuto”, dato che le multe raggiungerebbero fino al 10% delle entrate annuali di Google. Non ci resta che tenere osservata la vicenda per comprenderne l’evoluzione nelle prossime ore.

Intanto Google è anche al lavoro sul chip proprietario Whitechapel per Google Pixel 6 e Pixel 6 Pro, componente che però potrebbe non essere in grado di competere con i top di gamma firmati Qualcomm.

FONTE: Reuters
Quanto è interessante?
3