Google ha sciolto la task force sull'etica dell'intelligenza artificiale

Google ha sciolto la task force sull'etica dell'intelligenza artificiale
di

Google ha annunciato di aver sciolto la task force consultiva esterna che avrebbe dovuto monitorare l'utilizzo etico dell'intelligenza artificiale. La decisione arriva dopo una settimana di polemiche scaturita a causa della selezione di alcuni membri.

La notizia, riportata in anteprima da Vox, è stata confermata dallo stesso motore di ricerca ed è dovuta dalla presenza del presidente della Heritage Foundation Kay Coles James, una nota figura ultraconservatrice che più volte si è scagliata apertamente contro i diritti della community LGBTQ, ed ha combattuto tramite la sua fondazione contro l'estensione dei diritti alle persone transgender e contro la lotta ai cambiamenti climatici.

Il comitato esecutivo però includeva anche un numero importante di accademici di spicco, soprattutto esperti di intelligenza artificiale ma anche di filosofia e psicologia, oltre che di robotica. Al suo interno erano stati scelti anche politici in pensione o comunque vicini alle vecchie amministrazioni presidenziali statunitensi.

L'obiettivo della defunta task force era di assicurarsi che il lavoro portato avanti da Google con l'IA rispettasse i principi etici stabiliti dallo stesso amministratore delegato Sundar Pichai lo scorso anno.

"E' diventato chiaro che nell'attuale ambiente, la Task Force non può funzionare come speravamo" ha affermato a The Verge un portavoce di Google, il quale ha comunque precisato che nonostante la dismissione della board, "continueremo ad essere responsabili del nostro lavoro sulle questioni importanti sollevate dall'IA".

Quanto è interessante?
5