Google sempre più attiva nel campo delle energie rinnovabili

di

Per qualche ragione, secondo alcuni gli impianti eolici sono brutti. A noi invece piacciono. Questione di gusti, forse. Ma per raggiungere un compromesso, considerata la straordinaria potenza del vento, perché non posizionare gli impianti in mezzo al mare, dove meno persone possono vederli? E’ l’idea che ha avuto l’azienda Trans-Elect, che ha chiesto a Google di finanziare il progetto.

L'Atlantic Wind Connection sarà un network di centinaia di impianti eolici in acqua, installati nei tratti di mare al largo del New Jersey e fino alla Virginia, tutti collegati l'uno all'altro, che saranno in grado di generare la stessa energia di dieci inquinanti impianti a carbone. Portare l'energia dal mare alla terra ferma non sarà un'impresa facile, ma Google ha già stanziato dei fondi, insieme ad altri due investitori. Trans-Elect ha dichiarato che inizierà a costruire la prima parte della rete (quella che va dal Delaware ad Atlantic City) da 5 miliardi di dollari nel 2013, mentre il resto arriverà nel 2016. E' sempre meglio non aspettarsi niente da stime temporali di questo genere, perché progetti di questo tipo subiscono spesso ritardi, ma il potenziale è enorme, quindi siamo disposti ad aspettare anche un po' di più.

FONTE: Gizmondo
Quanto è interessante?
0
Google sempre più attiva nel campo delle energie rinnovabili