Google utilizzerà StarCraft II per testare DeepMind

di

La divisione DeepMind di Google ha annunciato che utilizzerà StarCraft II come piattaforma di test per l’intelligenza artificiale e per espandere la ricerca nel deep learning. L’annuncio è arrivato durante il BlizzCon di Domenica, che ha visto la partecipazione di Google e Blizzard.

Abbiamo lavorato a stretto contatto con il team di StarCraft II per sviluppare un’API in grado di supportare qualcosa simile ai precedenti bot che abbiamo utilizzato, in collaborazione con un’interfaccia script che consenta il controllo programmatico delle singole unità e di accedere al gioco completo” ha affermato un rappresentante di DeepMind, il quale ha continuato precisando che “in ultima analisi, gli agenti potranno giocare direttamente dai Pixel, in quanto abbiamo sviluppato una nuova interfaccia basata su immagini a bassa risoluzione molto semplici”.
Le due parti stanno anche lavorando sulla creazione dei così detti curriculum scenarios, ovvero una scala di compiti sempre più complessi da far portare a termine dall’intelligenza artificiale, utilizzando ovviamente degli algoritmi di riferimento. StarCraft II inoltre includerà anche degli strumenti di editing che consentiranno un controllo più flessibile da parte dei ricercatori.
Secondo DeepMing, i videogiochi rappresentano uno dei modi migliori per testare e sviluppare l’intelligenza artificiale, e la compagnia ha definito StarCraft IIl’apice della competitiva nell’1 contro 1”.
DeepMind ha anche aggiunto di aver utilizzato giochi 2D su Atari e complessi come Go per testare il sistema d’intelligenza artificiale: “i giochi sono l’ambiente ideale in cui effettuare questi test, e ci permettono di sviluppare e testare algoritmi più intelligenti, ma anche IA flessibili, rapide ed efficienti, dal momento che ci forniscono un feedback immediato attraverso i punteggi”.
In StarCraft, DeepMind dovrà elaborare strategie in tempo reale per la scelta delle razze, la coltivazione dei minerali e gas, la costruzione di edifici, lo scouting delle zone invisibili ed altro. L’IA potrà avvalersi della memoria e del sistema di mappatura per portare a termine questo compito.
Proprio lo scorso mese, i ricercatori DeepMind hanno annunciato di aver sviluppato un’IA in grado di memorizzare le conoscenze in una mappa, ed è stato testato con la mappa della metropolitana di Londra.

FONTE: ZDNet
Quanto è interessante?
0
Google utilizzerà StarCraft II per testare DeepMind