Il grano produce veleno per proteggersi: ecco la sensazionale scoperta

Il grano produce veleno per proteggersi: ecco la sensazionale scoperta
di

Uno studio guidato dalla biologa Vered Tzin, dell'Università Ben-Gurion del Negev in Israele, ha evidenziato come il grano selvatico riesca a proteggersi dagli insetti producendo una sorta di veleno.

La minaccia più grave per la pianta di grano è rappresentata dagli afidi, ovvero piccoli insetti che si nutrono degli stessi nutrienti e che a loro volta, tuttavia, iniettano dei virus vegetali all'interno della pianta stessa. Il grano selvatico possiede due meccanismi di difesa atti a contrastare queste specie di insetti.

Tali affascinanti scoperte, dimostrano ulteriormente quanto poco sappiamo sulle leggi che regolano il mondo vegetale, come testimoniano anche le piante in grado di crescere al buio, cosa ritenuta fino ad oggi impossibile.

La prima arma difensiva, corrisponde ad una sorta di rivestimento di peli che rende decisamente difficoltosa la ricerca del punto preciso nel quale "scavare" nel gambo della pianta. La seconda invece, risiede nella produzione di una specie di veleno, rappresentato da un composto definito benzoxazinoide, che impedisce all'insetto di assimilare le sostanze nutritive del grano.

Nello studio condotto, è stato isolato il gene alla base della produzione di questo veleno. Si tratta di una scoperta fondamentale per potenziare dal punto di vista genetico il grano che coltiviamo affinché questo possa difendersi dagli insetti che puntualmente lo rovinano. Il grano che coltiviamo, infatti, ha perso molti degli strumenti difensivi rispetto invece a quello selvatico.

Le sue origini sono antichissime. Addirittura ne troviamo traccia migliaia di anni fa, grazie ad un team internazionale che è riuscito a sequenziare del grano antico Egizio. Ecco perché la dott.ssa Tzin sottolinea come sia necessario fare di tutto per salvaguardare questo alimento, essenziale, per molti esseri viventi.

FONTE: academic
Quanto è interessante?
4