Si guasta un distributore, ma quello che scoprono gli studenti li ha scioccati

Si guasta un distributore, ma quello che scoprono gli studenti li ha scioccati
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Nel campus dell'Università di Waterloo, in Canada, gli studenti hanno vissuto un momento di autentico stupore, sconfinante nell'inquietudine, quando si sono imbattuti in una scoperta tanto inaspettata quanto perturbante.

Quello che sembrava essere un banale distributore di snack, marchiato M&M, celava in realtà un segreto che ha sollevato dubbi e preoccupazioni riguardo alla privacy e all'incalzante diffusione della tecnologia di sorveglianza negli oggetti quotidiani. La rivelazione è avvenuta in maniera del tutto casuale, quando un errore di sistema ha esposto l'esistenza di un'applicazione di riconoscimento facciale di cui gli studenti non avevano mai avuto notizia.

"Se non fosse stato per quell'errore, non ne avremmo mai saputo nulla" ha confidato River Stanley, uno studente avanzato dell'UWaterloo e investigatore per il giornale del campus, evidenziando la totale assenza di comunicazioni o avvisi a riguardo. L'inquietante scoperta ha spinto molti studenti a mascherare con gomme da masticare e post-it la minuscola telecamera incorporata nel distributore.

Prodotte da Invenda e promossi come distributori "intelligenti", queste macchine rivelano un lato oscuro: dotate di un "sensore demografico", sono capaci non solo di conteggiare le persone, ma anche di effettuare un "profiling demografico", stimando età e genere di chi si avvicina, mediante l'uso della telecamera.

Invenda si è difesa affermando che tutte le operazioni rispettano le leggi sulla privacy, poiché il software di riconoscimento demografico funziona in locale, senza immagazzinare, comunicare o trasmettere dati o informazioni personalmente identificabili. Nonostante le rassicurazioni, la comunità studentesca non ha nascosto il proprio disappunto. La notizia, una volta diffusa, ha scatenato una reazione a catena che ha costretto l'università ad intervenire, richiedendo la rimozione dei distributori dal campus e la disattivazione del software incriminato, in attesa di ulteriori chiarimenti.

A proposito, sapete che si vuole creare un riconoscimento facciale globale? Mentre in tre stadi questa funzione è già realtà.

FONTE: futurism

Questo testo include collegamenti di affiliazione: se effettui un acquisto o un ordine attraverso questi collegamenti, il nostro sito potrebbe ricevere una commissione in linea con la nostra pagina etica. Le tariffe potrebbero variare dopo la pubblicazione dell'articolo.

Iscriviti a Google News Rimani aggiornato seguendoci su Google News! Seguici
Unisciti all'orda: la chat telegramper parlare di videogiochi