HALO: il modulo abitabile del Gateway Lunare verrà costruito dalla Thales Alenia Space

HALO: il modulo abitabile del Gateway Lunare verrà costruito dalla Thales Alenia Space
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Il programma Artemis della NASA, che tenterà di riportare l'umanità sulla Luna entro i prossimi quattro anni, prevede la costruzione di una piccola stazione spaziale in orbita intorno alla Luna. Di recente è stato dato il via per costruire il modulo abitativo HALO.

Sarà la prima cabina abitabile per l'equipaggio in visita al Gateway lunare. Il suo scopo principale è quello di fornire spazio vitale per gli astronauti dove poter preparare e organizzare la loro esplorazione della superficie del satellite. Fornirà le funzioni di comando, controllo, stoccaggio e distribuzione dell'energia, nonché il controllo termico, le comunicazioni e il sistema di tracciamento. Avrà, inoltre, 3 punti di attracco per veicoli in visita e futuri moduli, oltre a spazi dedicati alla ricerca scientifica.

Una volta attraccata anche la capsula Orion della NASA, la principale navetta aerospaziale del progetto Artemis, HALO sarà in grado di accogliere fino a quattro astronauti per un massimo di 30 giorni fino ad un massimo di 90, durante i loro viaggi di andata e ritorno sulla superficie della Luna.

Per costruire il modulo occorreranno molte accortezze e la sfida ingegneristica del progetto non sarà seconda a nessun'altra: la stazione spaziale sarà a tutti gli effetti nello spazio profondo, non potendo contare su rapidi interventi di manutenzione qualora ci fossero dei disguidi (come accade sulla ISS): la costruzione dovrà essere semplicemente impeccabile.

Proprio per tal motivo è stata scelta l'azienda italo-francese Thales Alenia Space come contribuente del progetto: la TAS si occuperà del sistema di pressurizzazione, delle comunicazioni, del sistema di protezione dai meteoriti e del sistema per gestire l'attracco delle navicelle. Il design di HALO, inoltre, deriva dalla navicella Cygnus della Northrop Grumman, per la quale la Thales Alenia Space è un partner di lunga data. In questa news avevamo già approfondito l'incredibile ruolo italiano nella costruzione del Lunar Gateway.

"È una grande, fantastica sfida per la nostra azienda essere di nuovo parte dell'avventura del ritorno sulla Luna e in particolare aprire la strada alla stazione spaziale lunare, essendo coinvolti in uno dei primi 2 elementi costitutivi del Gateway, oltre ai moduli europei ESPRIT e I-HAB. Questo risultato è un passo concreto verso le future missioni esplorative”, ha dichiarato Massimo Claudio Comparini, Vice presidente senior per l'Osservazione, Esplorazione e Navigazione di Thales Alenia Space.

Anche Walter Cugno, vice presidente dell'Esplorazione e della Scienza di Thales Alenia Space ha voluto aggiungere un suo commento: "Thales Alenia Space fornirà a Northrop Grumman un modulo HALO conveniente e affidabile, rispettando i tempi necessari per supportare l’esplorazione lunare. Oltre 10 anni di successi, insieme alla forte esperienza di Thales Alenia Space nella costruzione di habitat per lo spazio lontano, ci consentiranno di progettare e produrre questo nuovo modulo della Stazione Lunare anche nel rispetto della sicurezza e del comfort degli astronauti”.

Vi ricordiamo che il progetto del Gateway Lunare è frutto di una cooperazione internazionale tra NASA ed ESA, e rappresenta il pilastro fondamentale su cui si basa l'intera esplorazione umana del futuro (sì, anche per i prossimi progetti che coinvolgono Marte). Il Gateway, che peserà circa 40 tonnellate, sarà assemblato pezzo per pezzo e sarà posizionata in un orbita denominata "Near-Rectilinear-Halo-Orbit" (NRHO, "orbita halo quasi rettilinea") attorno alla Luna. Se tutto andrà bene, già all'inizio del 2030 potremo vederlo operativo.

HALO: il modulo abitabile del Gateway Lunare verrà costruito dalla Thales Alenia Space