Gli Hobbit esistono davvero? Secondo un ricercatore sono nascosti in un'isola

Gli Hobbit esistono davvero? Secondo un ricercatore sono nascosti in un'isola
di

Mentre nel gennaio 2022 è stato scoperto il più antico fossile di Homo sapiens, nelle ultime ore un etnobiologo in pensione ha parlato di un interessante enigma relativo alla nostra evoluzione: in un’isola indonesiana si troverebbero degli Hobbit veri, una specie umana da tempo a noi nascosta.

A parlarne è stato Gregory Forth tramite le pagine del The Scientist in occasione della presentazione di un suo libro in uscita nel mese di maggio: egli si è basato sulle vecchie ricerche dell’antropologo Mike Morwood, risalenti al 2004, che hanno portato alla scoperta di ossa appartenenti al cosiddetto Homo floresiensis, specie umanoide soprannominata da alcuni come “Hobbit”, riprendendo l’iconica razza illustrataci da J. R. R. Tolkien.

Secondo Forth, tuttavia, la realtà non si fermerebbe a semplici ossa del passato: nell’isola indonesiana di Flores, infatti, la tribù locale Lio avrebbe effettivamente visto alcuni H. floresiensis dal vivo. Al riguardo, Forth ha scritto quanto segue: “Il mio obiettivo nello scrivere il libro era trovare la migliore spiegazione - cioè la più razionale ed empiricamente meglio supportata - dei resoconti di Lio sulle creature. Questi includono rapporti di avvistamenti di oltre 30 testimoni oculari, con i quali ho parlato direttamente. E concludo che il modo migliore per spiegare quello che mi hanno detto è che un ominide non sapiens è sopravvissuto a Flores fino ai giorni nostri o molto recenti”.

L’etnobiologo parla di una effettiva connessione tra gli esseri umani moderni e gli antenati degli “Hobbit”, eppure ci sono ancora molteplici punti di domanda che rendono questa indagine “problematica e inquietante”. Esistono davvero? Verranno scoperti, prima o poi?

Tra i tanti casi simili, nel 2018 abbiamo riportato anche l’individuazione di una tribù sconosciuta nella Foresta Amazzonica.

Quanto è interessante?
5