I 5.000 giorni marziani del rover Opportunity della NASA

INFORMAZIONI SCHEDA
di

Sabato scorso il rover Opportunity della NASA ha celebrato un anniversario estremamente importante, dal momento che ha toccato quota 5.000 giorni trascorsi sul Pianeta Rosso. Si tratta di una vera e propria pietra miliare, incredibilmente significativa per il robot, dato che ci si aspettava durasse solo novanta giorni.

Opportunity è uno dei due rover che stanno lavorando sul Pianeta Rosso, insieme a Curiosity, sempre dell'Agenzia Spaziale Nordamericana.

Lanciato su Delta II il 7 Luglio 2003, insieme al gemello battezzato Spirit, Opportunity è entrato di diritto nella storia.

I due rover sono atterrati su Marte a tre settimana di distanza, nel Gennaio 2004, posizionandosi ai lati opposti del pianeta. Il giorno dello sbarco di Opportunity, il 25 Gennaio, era considerato Sol 1, o il primo giorno marziano per il rover. Il termine "sol" è usato per descrivere un "giorno solare" su Marte, e si misura in base al tempo impiegato dal pianeta per ruotare intorno al proprio asse. Si tratta di un'unità di misura molto simile al giorno terrestre, ma dura circa quaranta minuti in più.

La NASA aveva pianificato missioni da soli 90 sol (ci scusiamo per il gioco di parole) per Opportunity e Spirit in quanto il team non credeva che i veicoli sarebbero sopravvissuti al primo inverno su Marte, una stagione che dura quasi il doppio rispetto a quello sulla Terra.

I due rover sono atterrati nell'emisfero sud di Marte, che non riceve molta luce durante l'inverno, ecco perchè la NASA non credeva che avrebbero avuto abbastanza energia per funzionare durante tutta la stagione. Tuttavia, successivamente l'Agenzia Spaziale ha trovato il modo di inclinare i rover verso nord, puntando i loro pannelli verso il Sole, che appare nel cielo del nord durante la stagione fredda. Ciò ha consentito ad entrambi i rover di superare abbondantemente le scadenze previste.

Opportunity sta superando abilmente l'ottavo inverno marziano, ha guidato per più di 28 miglia da dov'è originariamente atterrato ed è responsabile per alcune delle più grandi scoperte del Pianeta Rosso, come quella relativa alla possibile presenza di acqua in passato. Attualmente il rover sta esplorando un canale poco profondo chiamato "Perseverance Valley", che permetterà agli scienziati di capire i processi geologici che hanno modellato la regione.

FONTE: The Verge
Quanto è interessante?
8