I ricercatori del MIT "brevettano" la stampa 3D industriale con il vetro

I ricercatori del MIT 'brevettano' la stampa 3D industriale con il vetro
di

La stampa 3D sta facendo passi da gigante negli ultimi anni. Dalle case realizzate sfruttando questa tecnologia ai più disparati modelli 3D che si possono trovare online, il limite è solamente la fantasia. Sono disparati i materiali che si possono utilizzare per modellare gli oggetti. Tra questi c'è il vetro, che risulta però difficile da gestire.

Ebbene, stando anche a quanto riportato dai colleghi di TechCrunch e scritto dagli autori in questo dettagliato paper, i ricercatori del MIT (Massachusetts Institute of Technology) sono riusciti a trovare un metodo per sfruttare al meglio e in modo più semplice questo materiale per la stampa 3D. Gli autori del progetto sono Chikara Inamura, Michael Stern, Daniel Lizardo, Peter Houk e Neri Oxman. In particolare, il loro metodo, denominato G3DP2, offre un controllo maggiore sul materiale caldo e sul prodotto finale. Nel paper, i ricercatori lo descrivono in questo modo: "è una nuova piattaforma AM per vetro fuso che combina un sistema di controllo termico a tre zone integrato digitalmente con un sistema di controllo del movimento a quattro assi, introducendo capacità di produzione su scala industriale con maggiore velocità di produzione e affidabilità, garantendo allo stesso tempo accuratezza del prodotto e ripetibilità, tutto precedentemente impossibile per il vetro". Insomma, la tecnologia della stampa 3D continua a stupirci anche molti anni dopo la sua creazione.

FONTE: TechCrunch
Quanto è interessante?
10

Gli ultimi Smartphone, TV 4K o gli accessori più GEEK li trovate in offerta su Amazon.it

I ricercatori del MIT 'brevettano' la stampa 3D industriale con il vetro