I software di riconoscimento facciale sono inaccurati nel 98% dei casi

di

Già da tempo, in molti hanno trovato nel riconoscimento facciale una possibile via per aumentare la sicurezza delle strade ed in generale per aiutare le forze di polizie. Tuttavia, alcuni nuovi rapporti sostengono che nel 98 per cento dei casi la tecnologia si sarebbe rivelata inaccurata.

Il rapporto proviene dal Regno Unito, in cui la polizia metropolitana ha testato dei software di riconoscimento facciale per identificare eventuali criminali, ma i risultati sono davvero impetuosi.

I dati pubblicati da The Independent sostengono che solo due dei 104 allarmi generati dal software di riconoscimento facciale utilizzato dalla Met Police si sono rivelati accurati. Lo stesso giornale riporta anche i dati rivelati dalla Polizia del Galles nell'ambito del test effettuato durante la finale di Champions League dello scorso anno e di cui vi abbiamo a lungo parlato su queste pagine.

Il software utilizzato dalla Polizia del Regno Unito è in grado di scansionare video ed identificare i volti delle persone sospette utilizzando il database interno, come quello dei criminali ricercati. Il software, nella fattispecie, effettua una scansione dei volti generando una mappa di identificatori biometrici (come la lunghezza del naso e la distanza tra gli occhi) ed è in grado di creare una corrispondenza in una frazione di secondo.

La tecnologia è anche in fase di test in altri paesi, come l'Australia, ma anche in Cina, dove i media statali sostengono che gli occhiali utilizzati dalle forze dell'ordine sono in grado di riconoscere le persone sospette in sette minuti.

Il commissario del Regno Unito delegato alla supervisione del sistema di riconoscimento facciale, in una dichiarazione rilasciata a The Independent ha affermato senza mezzi termini che le cifre attuali mostrano che la tecnologia ancora non è pronta all'uso.

FONTE: CNET
Quanto è interessante?
3