L'IA può essere utilizzata dai casinò per arginare la ludopatia, ma c'è un problema

L'IA può essere utilizzata dai casinò per arginare la ludopatia, ma c'è un problema
di

Mentre continua il dibattito sulla coscienza dell'IA, un interessante report sembra suggerire che l'IA possa identificare e curare la ludopatia, o quantomeno ridurre la dipendenza dal gioco d'azzardo in alcuni pazienti, bloccando le loro tendenze al rischio e alle scommesse.

Il report arriva nientemeno che dal New York Times, che spiega che la compagnia Mindway e un team di ricercatori dell'Università di Aarhus, in Danimarca, stanno cercando di utilizzare l'IA per identificare precocemente chi soffre di ludopatia, utilizzando il machine learning e la scienza psicologica nel campo del gioco d'azzardo per avere una diagnosi precoce e per aiutare i pazienti a superare la mattia.

Il New York Times spiega che l'IA utilizzata, chiamata Mindway AI, riesce a capire se una persona ha pronunciate tendenze al rischio, che potrebbero essere indicative di tendenze patologiche al gioco d'azzardo. La tendenza al rischio di ciascun paziente monitorato dall'IA attraverso i suoi dati viene poi catalogata in tre fasce, ovvero quella verde, quella gialla e quella rossa, con quest'ultima che indica un pericolo di ludopatia imminente o già in corso, consigliando l'intervento di uno psicologo sul caso.

In questo modo, l'IA, che è pensata per essere utilizzata in contesti a rischio ludopatia, può aiutare i pazienti a rendersi conto del proprio problema prima di spendere tutto il proprio denaro, sperperando i risparmi o indebitandosi al gioco. Il sistema, ideale per evitare le ripercussioni più gravi del gioco d'azzardo, viene già utilizzato da alcuni casinò e da varie compagnie di gioco d'azzardo online. Secondo i dati di Mindway, i risultati dell'IA sono affidabili al 98%.

Al contempo, però, identificare la ludopatia non significa risolverla, almeno non necessariamente: chiaramente, nei casi a rischio l'IA può rivelarsi efficace nella cura consigliando un esperto a cui rivolgersi, ma Mindway spiega che, una volta identificato il rischio di dipendenza dal gioco d'azzardo, è difficile comunicarlo efficacemente a chi ne soffre, soprattutto laddove le comunicazioni arrivano dai casinò online, che non possono utilizzare modalità "di persona" per parlare con i propri utenti.

In particolare, finora le compagnie hanno utilizzato email, pop-up e messaggi telefonici per allertare i propri clienti, ma il successo di queste forme di avviso è stato scarso e Mindway suggerisce alle compagnie che utilizzano la propria IA delle chiamate dirette con i propri clienti. L'altro problema è che, introducendo arbitrariamente delle limitazioni al gioco d'azzardo per gli utenti a rischio, questi potrebbero semplicemente rivolgersi ad altre piattaforme di scommesse, o utilizzarne diverse al contempo, peggiorando ulteriormente la loro situazione.

FONTE: Slashgear
Quanto è interessante?
1