di

L'intelligenza artificiale non è in grado solamente di scrivere testi che possono ingannare gli utenti, ma anche di vincere un combattimento contro un pilota professionista utilizzando un F-16 Fighting Falcon. Sì, avete capito bene, anche se per il momento si sta parlando di una simulazione.

In particolare, stando anche a quanto riportato da Engadget e ASIA Times, nel corso del torneo AlphaDogfight organizzato dalla DARPA (Defense Advanced Research Projects Agency), agenzia governativa degli Stati Uniti d'America, si è deciso di far partecipare anche un'intelligenza artificiale sviluppata da Heron Systems.

La simulazione del dogfight, ovvero del combattimento aereo, ha visto la partecipazione di un pilota professionista che nella sua carriera ha passato oltre 2000 ore a bordo del succitato F-16 Fighting Falcon. Per chi non lo sapesse, si tratta di un noto velivolo da combattimento originariamente creato da General Dynamics per l'Aeronautica Militare statunitense.

In ogni caso, il dogfight del 20 agosto 2020 è terminato 5 a 0 per l'intelligenza artificiale. Insomma, il pilota umano non è riuscito a mettere in alcun modo i bastoni tra le ruote all'IA. D'altronde, quest'ultima è in grado di prendere decisioni molto rapidamente, in tempi molto più ristretti rispetto a un essere umano.

La notizia è stata riportata anche da Repubblica, fonte da cui apprendiamo che l'IA avrebbe acquisito l'equivalente di circa 12 anni di esperienza in pochi mesi. Per il resto, per il momento si sta parlando di simulazioni: un velivolo da caccia autonomo è ancora molto lontano dalla realtà, ma quel che è certo è che il mondo dell'intelligenza artificiale sta facendo sempre più passi in avanti.

FONTE: Engadget
Quanto è interessante?
1
L'IA vince contro un pilota in un dogfight con F-16 Fighting Falcon: il video