IBM: entro tre anni i robot "licenzieranno" 120 milioni di lavoratori umani

IBM: entro tre anni i robot 'licenzieranno' 120 milioni di lavoratori umani
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Secondo un nuovo studio condotto da IBM, nei prossimi tre anni i robot provocheranno il licenziamento di 120 milioni di lavoratori umani a livello mondiale. L'indagine, ripresa da Bloomberg, sostiene che i dipendenti umani saranno costretti a riqualificarsi a causa dell'impatto dei sistemi d'intelligenza artificiale e robot.

Secondo quanto riferito, in Cina 50,3 milioni di persone saranno costretti a cambiare lavoro, ruolo o addirittura città. Destino simile attende anche 11,5 milioni di lavoratori negli Stati Uniti, mentre in Brasile l'impatto lo registreranno 7,2 milioni di laboratori.

La classifica dei primi sei paesi per numero di licenziamenti è chiusa da Giappone e Germania, in cui i licenziamenti a causa dei robot sono stimati rispettivamente a 4,9 e 2,9 milioni.

Secondo lo studio però i progressi dell'intelligenza artificiale non dovrebbero provocare solo il cambio di lavoro, ma anche la creazione di nuove mansioni, ecco perchè IBM sostiene che la sfida consisterà nel potenziamento dei dipendenti e la loro formazione per consentirgli di occupare nuovi ruoli. IBM sostiene anche si stanno creando diversi modi per colmare il divario di conoscenze, e le aziende dovrebbero prendere in considerazione l'assunzione di talenti da altri paesi o di personale esterno, mentre non sarebbe da prendere sottogamba la possibilità di spostare dipendenti tra le diverse divisioni.

Lo studio sostanzialmente è in linea con quello di OECD, secondo cui entro il 2030 sarebbero a rischio 210 milioni di posti di lavoro.

Quanto è interessante?
3