Idoli di legno dell'impero Inca ci rivelano interessanti notizie sul loro conto

Idoli di legno dell'impero Inca ci rivelano interessanti notizie sul loro conto
di

Questi idoli in legno, alti all’incirca 2,3 metri, furono scoperti per la prima volta nel lontano 1938 all’interno di un sito archeologico appartenente al popolo degli antichi Inca.

Questo luogo si trova a circa 30 km di distanza, in direzione Sud, dalla capitale del Perù, Lima, è particolarmente esteso e comprende strutture come templi, piramidi e palazzi. Gli idoli in legno in questione rappresentano Pachacamac, appunto, il dio creatore della mitologia Inca. Lo studio svolto su questi reperti ha messo in luce importanti e interessanti, nonché prima sconosciute, informazioni sulla datazione e su come questi idoli erano colorati. A noi queste raffigurazioni in legno sono giunte prive di colore ma, a quanto sembra, gli scienziati che hanno lavorato su questi reperti hanno scoperto che erano colorati con tinte molto accese e sgargianti: rosso, giallo e bianco.

E’ stata anche smentita l’ipotesi che questi oggetti fossero colorati di rosso a seguito dei sacrifici che a questa divinità venivano dedicati. Per colorare questi oggetti, ed in particolare per colorarli di rosso, gli antichi Inca usavano una sostanza chimica che derivava dal minerale cinabro. La cosa interessante, ci dicono gli archeologi, è che il cinabro non si trova dove sono emersi gli idoli, bensì a centinaia di chilometri di distanza. Questo particolare presuppone che, per creare questa determinata tintura, il popolo Inca lo commerciasse o lo andasse a prendere attraverso una specie di pellegrinaggio, se così vogliamo chiamarlo.

Per molto tempo, poi, si è creduto che questi idoli non fossero autentici ma soltanto delle copie. Si credeva, infatti, che i veri idoli fossero stati distrutti dai conquistadores spagnoli ma anche questa ipotesi è stata scartata perché la datazione, utilizzando il carbonio, ha dimostrato che queste sculture in legno risalgono ad un intervallo di tempo compreso tra il 760 e l’876 d.C., quindi molto tempo prima che gli Spagnoli conquistassero la regione.

Quanto è interessante?
4