Il CEO di Apple chiede unità dopo la vittoria di Trump

di

Secondo una nota interna ottenuta da BuzzFeed News, a seguito dell’inaspettata e sconvolgente vittoria di Donald Trump, l’amministratore delegato di Apple, Tim Cook, avrebbe scritto ai propri dipendenti, allo scopo di rassicurarli.

In una nota inviata nella giornata di ieri, Cook ha invitato tutti i dipendenti della Mela a restare uniti, ed ha ribadito ancora una volta l’impegno dell’azienda nel sostenere le diversità. “Abbiamo una squadra molto eterogenea di dipendenti, compresi i sostenitori di causano dei candidati. Indipendentemente da chi abbiamo sostenuto, l’unico modo per andare avanti è farlo insieme”.
Trump durante la campagna elettorale aveva duramente criticato Apple, in particolare a causa del rifiuto della compagnia di non sbloccare l’iPhone 5c del killer di San Bernardino. “Pensate che Apple non ci permetterà di entrare nei suoi cellulari? Chi si credono di essere?” fu l’affermazione dell’allora candidato repubblicano, da sempre vicino alla posizione del direttore dell’FBI James Comey.
Lo stesso Trump aveva anche promesso che, qualora sarebbe stato eletto, avrebbe costretto Apple a costruire “i loro maledetti computer e prodotti in questo paese”.
Apple ha preso le distanze da Trump durante la campagna elettorale, sebbene Cook abbia organizzato una raccolta fondi per il presidente dalla camera Paul Ryan ed altri repubblicani, nel mese di giugno.
Nella nota inviata, però, Cook non cita Trump, ed afferma che “la politica Apple non cambierà. La nostra azienda è aperta a tutti, e continueremo a celebrare la diversità della nostra squadra negli Stati Uniti ed in tutto il mondo, indipendentemente da dove vengono, da come appaiono, e da ciò che amano”.

FONTE: The Verge
Quanto è interessante?
0