Il creatore di Phoneblocks afferma che Google può fare di più con Project Ara

di

In settimana abbiamo avuto una spiacevole notizia con Project Ara, e cioè che non si potranno sostituire CPU, RAM e display, attenuando di molto l'hype che generava attorno a questo dispositivo. Adesso è arrivata un'altra notizia poco piacevole, in quanto Dave Hakkens, creatore del concept Phoneblock, ha detto che Google può fare di più con Ara.

Egli ha effettuato un post sul proprio sito personale, dapprima facendo notare che lo smartphone sarà effettivamente meno modulare di quello che ci si attendeva, e poi parlando del dispositivo in generale: "Ara avrà uno scheletro equipaggiato con componenti come la CPU, le antenne, i sensori, la batteria ed il display. I moduli che possono essere sostituiti sono sei e si trovano sul retro. Questi includono solo "add-on", come la fotocamera o lo speaker. Sono cose che si personalizzano per divertimento. Tale situazione significa comunque che lo smartphone risulterà obsoleto dopo un po'. E che succede poi se lo schermo si rompe? Bene, l'utente deve comunque mandare il telefono in garanzia. E dopo qualche anno lo smartphone diventerà più lento, così bisognerà cambiare lo scheletro". Siete d'accordo con le parole di Dave?

Quanto è interessante?
0