Il debutto di Iliad, Whatsapp, le vendite di iPhone X ed i rallentamenti. Le top news tech

di

Tanti spunti di riflessione e rumor nel primo martedì di Marzo: si torna a parlare dei rallentamenti degli iPhone, ma anche di iPhone X e delle possibili novità che gli sviluppatori introdurranno in Whatsapp.

Whatsapp: cambia la funzione per eliminare i messaggi inviati?

A qualche mese di distanza dall'introduzione della funzione che consente di eliminare i messaggi inviati anche sui telefoni dei destinatari, Whatsapp sembra avere intenzione di apportare delle significative modifiche.
Secondo quanto riportato dal sito web WABetaInfo, infatti, la piattaforma di Mark Zuckerberg starebbe testando una modifica al sistema che permetterà agli utenti di eliminare i messaggi fino a 4.096 secondi, o 68 minuti e 16 secondi dopo l'invio. Si tratta di una modifica sostanziale, che mette Whatsapp ulteriormente in diretta concorrenza con Telegram, e che soprattutto metterà a disposizione degli utenti un servizio sempre più competitivo e comodo da usare.
Come sempre, però, non sappiamo se questa funzione sia destinata a vedere la luce o meno.

Iliad debutterà in estate, ma non sarà un operatore virtuale

Il famoso quotidiano La Repubblica, tra un exit pool ed un'intervista elettorale, ha intervistato Benedetto Levi, l'amministratore delegato di Iliad.
Il CEO ha confermato il debutto dell'operatore per la prossima estate, ed ha affermato senza troppi giri di parole che Iliad non si configurerà in alcun modo come un operatore virtuale o low cost, sebbene le intenzioni siano quelle di offrire promozioni a prezzi più bassi rispetto alla concorrenza. Inoltre, l'obiettivo primario di Iliad sembra essere quello di dare una voce a tutti quegli utenti scontenti dell'attuale situazione degli operatori telefonici italiani, finiti al centro delle polemiche dopo la questione delle bollette con fatturazione a 28 giorni.

Le vendite di iPhone X non aumentano: i motivi

Piper Jaffray ha condotto un sondaggio su un campione di 1.500 possessori di iPhone che hanno deciso di non acquistare l'ultimo top di gamma della Mela, l'iPhone X.
E' stata l'occasione per capire meglio il motivo per cui l'ultimo smartphone di punta della Mela abbia registrato questa contrazione delle vendite.
Il 31 per cento degli intervistati, come ampiamente prevedibile, ha affermato di essere stato frenato dal prezzo esageratamente alto, che per la versione a 256 gigabyte ha ampiamente sfondato il muro dei 1.000 Euro.
L'8 per cento ha invece ritenuto lo schermo troppo piccolo, il 44 per cento non aveva motivo per cambiare smartphone in quanto quello in possesso funzione ancora bene, mentre il 17 per cento non lo ha ritenuto abbastanza appetibile da giustificare un cambio.

Rallentamenti iPhone: prima e dopo la sostituzione della batteria

Sempre restando in ambito Apple, un utente ha pubblicato un video che mostra l'impatto del sistema di power management che porta al rallentamento degli iPhone sugli smartphone.
In particolare, nel filmato si vede come la sostituzione della batteria dia nuova linfa al cellulare, che risulta essere significativamente più reattivo a livello di apertura delle applicazioni e di utilizzo quotidiano.

Huawei punta a diventare meglio di Apple

Chiudiamo la carrellata di notizie di oggi con l'intervista rilasciata dall'amministratore delegato di Huawei, Richard Yu al Corriere della Sera, a cui ha affermato che presto la compagnia da lui diretta sarà meglio di Apple.
E' stata anche l'occasione per ottenere degli interessanti spunti di riflessione sul mercato generale degli smartphone, che secondo il dirigente sarà composto da massimo tre-quattro marchi.

Quanto è interessante?
2