Il rover ExoMars dell'ESA studierà il pianeta rosso con dei laser

di
Il rover dell'ESA, l'agenzia spaziale europea, sarà dotato di strumenti laser per studiare il mondo alieno nel quale verrà spedito nel 2020: il pianeta rosso Marte. Nell'immagine in fondo alla news trovate un concept di come sarà l'aspetto finale del robot una volta ultimato.

Lo strumento appositamente realizzato per ExoMars sparerà dei laser al materiale di interesse e a seconda di quanto il colore riflesso sarà cambiato sarà possibile stabilire di quale materiale si tratta. La tecnica non è una novità e viene ampiamente utilizzata in contesti terrestri (ad esempio sicurezza, farmacologia ed arte).

Tra gli obiettivi del rover ExoMars ci sono lo studio sulla possibilità di una vita microbica presente o passata e dei minerali risalenti al periodo in cui Marte era un pianeta più caldo e dotato di un'atmosfera più densa. La tecnica del laser è stata già utilizzata per distanze pari anche a centinaia di metri e gli scienziati dell'ESA voglio capire fino a che punto possono sfruttarla.

Per implementare al meglio la tecnica sarà necessaria una sorgente che emetta un laser ed una telecamera ad alta risoluzione che individui in che modo viene riflesso dalla superficie studiata. La difficoltà sta nel fatto che in genere solo uno su un milione di fotoni vengono riflessi, dunque la strumentazione deve essere estremamente precisa, sensibile e lavorare in modo sincronizzato.

Oltre all'ESA, anche la NASA invierà un proprio rover nel 2020, anno in cui potrebbe anche essere approvata la missione sul satellite di Saturno, Titano.

FONTE: ESA
Quanto è interessante?
5
Il rover ExoMars dell'ESA studierà il pianeta rosso con dei laser