di

Nuovo strumento nelle mani degli scienziati, che consentirà loro di comprendere la radiazione di fondo delle microonde cosmiche che persiste dai primi giorni dell'universo. Il South Pole Telescope, infatti, è ora dotato di una fotocamera ultrasensibile che studierà lo sfondo delle microonde cosmiche ad un livello di dettaglio elevato.

Il tutto grazie ai 16.000 rilevatori, un numero dieci volte superiore rispetto a quello di un esperimento precedente, che possono individuare minuscoli cambiamenti di temperatura quando ricevono la luce. In questo modo è possibile raccogliere l'energia a microonde che è virtualmente onnipresente nell'universo, sebbene sia difficile da rilevare con i metodi tradizionali.

Lo studio non sarà immediato e richiederà diversi anni. La scelta del South Pole Telescope non è casuale, in quanto è possibile effettuarlo solo in luoghi come l'Antartico a causa dell'alta altitudine e delle condizioni atmosferiche secche.

Grazie a questo strumenti gli scienziati potrebbero comprendere alcuni degli aspetti misteriosi dell'universo, tra cui l'energia oscura, le particelle di neutrini e le onde gravitazioni. Il telescopio potrebbe anche consentire l'individuazione di alcune delle prime galassie giganti in cui sono nate le prime stelle e la ricerca delle particelle precedentemente non confermate.

Il South Pole Telescope quindi potrebbe aiutare la comprensione dell'umanità sul funzionamento dell'universo.

FONTE: Engadget
Quanto è interessante?
9

Acquista il puzzle 3D della Stazione Spaziale Internazionale su Amazon.it e divertiti a costruire il modellino della ISS!