Il telescopio spaziale Hubble mostra la galassia a spirale M90 in un'immagine mozzafiato

di

Il telescopio spaziale Hubble della NASA ed ESA continua a regalarci immagini mozzafiato, essendo alla ricerca di fotografia per tutti i 110 oggetti spaziali elencati in un catalogo stilato dall'astronomo francese Charles Messier, risalente al 1700 e pieno di galassie, affascinanti ammassi stellari e maestose nebulose.

La NASA ha rilasciato lo scorso 16 Marzo tredici immagini inviate da Hubble, e riguardanti proprio il catalogo di Messier.

Hubble, infatti, ha ora osservato 93 dei 110 oggetti, dall'inizio del 2018. La galassia a spirale M90 è la vera protagonista assoluta di questo nuovo set, e vi mostriamo in calce la fotografia he la ritrae. M90 ospita infatti oltre un trilione di stelle, un numero anche difficile da immaginare e che rende ancora più affascinante questo fantastico mondo.

La maggior parte delle galassie che si trovano nell'ammasso della Vergine si stanno via via allontanando dalla Via Lattea, mentre Messier 90 sta facendo l'esatto opposto, dirigendosi verso la nostra direzione.

Non c'è però motivo di allarmarsi: M90 è ancora a circa 59 milioni di anni luce dal nostro pianeta.

La NASA, prima di concentrasi sulle immagini del catalogo di Messier, ha rilasciato un nuovo set e focus on sui "Pilastri della Creazione" dell'Aquila risalente al 2015, e conosciuta anche come Messier 16. L'astronomo l'aveva inserita nel suo catalogo nel lontano 1764.

A questo indirizzo, invece è possibile osservare Messier 75, che l'astronomo aveva aggiunto nel 1780 ed ospiterebbe circa 400.000 stelle nella costellazione del Sagittario, e può essere vista dalla Terra con binocoli e telescopi.

Sull'M58, altra galassia a spirale scoperta nel 1779 e che secondo la NASA "fu una delle prime galassie riconosciute a forma di spirale". Questa risiede nella costellazione della Vergine ad una distanza di circa 62 milioni di anni luce dal nostro pianeta.

Hubble ha anche mostrato Messier 95, che risiede nella costellazione del Leone ad una distanza di 33 milioni di anni luce dalla Terra.

Messier 86 è quella che si sta muovendo più velocemente nella nostra direzione, ma è ancora a circa 52 milioni di anni luce dalla Terra.

Messier 88 invece è una classica galassia a spirale con una regione centrale luminosa che si distingue nell'immagine disponibile all'indirizzo sopra elencato, e contiene circa 400 miliardi di stelle. Tuttavia, sta viaggiando lontana dalla nostra galassia.

Al centro di Messier 98 c'è invece un puntino luminoso, ed "a causa delle elevate quantità di gas e polvere, nella galassia ci sono numerose regioni che formano le stelle, specialmente nel suo nucleo e nelle sue braccia" osserva la NASA.

Nella parte centrale della Messier 59 c'è un buco nero. La galassia misura circa 270 milioni il nostro sole ed è nella costellazione della Vergine.

In Messier 62 troviamo "ammassi globulari a forma irregolare". Il nucleo denso di M62 ospita 150.000 stelle, ed è stata scoperta nel 1771.

La galassia ellittica M89 invece è stata scoperta da Messier nel 1781 ed è una delle otto galassie nell'ammasso della Vergine scoperte quest'anno, ed è caratterizzata da un buco nero supermassiccio al suo centro.

Alla galassia Messier 108 è stato dato il soprannome di Surfboard, a causa della spirale barrata senza nucleo o rigonfiamento, il che gli conferisce una somiglianza simile ad una tavola da surf.

Infine, c'è Messier 110, che la NASA descrive come una galassia ellittica con una struttura ellittica e quasi priva di caratteristiche.

Quanto è interessante?
6
Il telescopio spaziale Hubble mostra la galassia a spirale M90 in un'immagine mozzafiato