Iliad al debutto in estate. Levi:"noi la risposta al malcontento dei consumatori italiani"

INFORMAZIONI SCHEDA
di

Iliad, l'operatore telefonico di cui abbiamo più volte parlato su queste pagine negli ultimi mesi, si prepara al debutto in Italia, che avverrà nel corso della prossima estate. A darne l'annuncio l'amministratore delegato della compagnia, il giovane Benedetto Levi, che è stato intervistato da Alessandro Longo di Repubblica.

Secondo l'amministratore delegato, che precisa come Iliad non sarà in alcun modo un operatore low cost e virtuale, "gli italiani hanno perso fiducia negli operatori telefonici", probabilmente riferendosi al tanto discusso e criticato sistema di fatturazione a 28 giorni che ha chiesto un intervento da parte del Governo Gentiloni.

"A questo punto entriamo in campo noi", continua il CEO, che come abbiamo detto poco sopra, ha specificato che "saremo un operatore normale, non virtuale, con una nostra rete. Già al lancio avremo una copertura nazionale, anche se all’inizio ci appoggeremo in parte sulla rete di Wind Tre. Pensiamo di poter dare una qualità e una copertura anche superiore a quella dei concorrenti”.

Un debutto che può far paura ai giganti del settore? Si, secondo Levi: “non mi sorprende che gli altri operatori abbiano paura e stiano cercando di ostacolarci in tutti i modi, lanciando a loro volta dei marchi low cost. O anche, per esempio, registrando in Italia il marchio Free, che è uno di quelli di Iliad in Francia. Peccato per loro che noi qui useremo il marchio Iliad”.

Dal fronte tariffe, non arrivano molte indicazioni. Levi infatti non si è sbottonato più di tanto, ma ha dato qualche indicazione comunque estremamente interessante: "riteniamo che ci siano molti margini per proporre tariffe più basse, senza costi nascosti, in modo trasparente. Aspetti su cui gli operatori hanno peccato molto, soprattutto nell’ultimo periodo, con mosse che all’estero sarebbero impensabili".

Quanto è interessante?
7