Illusione ottica: cosa vedi per prima, un vaso o due volti?

Illusione ottica: cosa vedi per prima, un vaso o due volti?
di

L'illusione ottica in questione è chiamata semplicemente "Vaso di Rubin" (in inglese "Rubin's vase") e venne creata per la prima volta nel 1915 dallo psicologo danese Edgar Rubin. Avrete visto l'immagine in questione (che troverete in calce alla notizia) centinaia di volte e in molte diverse forme.

L'opera creata dallo psicologo, durante la sua tesi di dottorato, è un insieme di forme bidimensionali ambigue o bistabili. A causa della particolare composizione dell'immagine, lo spettatore può individuare fin da subito due diversi sfondi: il vaso o le due facce. Entrambi le immagini sono coerenti, ma solo una può essere mantenuta in un dato momento.

Normalmente il cervello classifica le immagini in base a quale oggetto circonda l'altro, stabilendo in questo modo, tra le tante cose, profondità e relazioni. Tuttavia, le cose iniziano a farsi più interessanti quando i contorni non sono semplici da distinguere. In questo caso il cervello deve iniziare a "modellare" ciò che vede (come, ad esempio, in questa illusione ottica dei colori).

Questo effetto del cervello crea quello che in gergo è chiamata "immagine ambigue" - qualcosa che abbiamo già visto all'interno dell'illusione dell'anatra o del coniglio. Ancora oggi il "Vaso di Rubin" viene studiato dagli scienziati cognitivi, che studiano gli effetti e la risposta del nostro cervello alla visione dell'immagine.

Voi cosa avete visto per prima, un vaso o due volti?

Quanto è interessante?
1
Illusione ottica: cosa vedi per prima, un vaso o due volti?