Un'imbarcazione vecchia 2.500 anni sembra confermare un racconto di Erodoto

Un'imbarcazione vecchia 2.500 anni sembra confermare un racconto di Erodoto
di

Dopo 2.500 anni di "sonno", una nave affondata trovata nel fiume Nilo potrebbe raccontarci molto presto i suoi segreti. Gli scienziati, infatti, pensano che questa nave abbia rivelato una struttura la cui esistenza è stata discussa per secoli.

Nel frammento 2.96 delle storie di Erodoto, pubblicato intorno al 450 a.C., lo storico greco antico descrive un tipo di nave mercantile del Nilo chiamata baris. Secondo il suo ritratto, la barca era rivestita di papiro e con un timone che passava attraverso un buco nella chiglia. Questo sistema di guida era stato visto in rappresentazioni e modelli durante il periodo faraonico, ma fino ad ora non avevamo prove archeologiche della sua esistenza.

Tuttavia, grazie alla "Nave 17", trovata affondata nella città portuale Thonis-Heracleion, gli archeologi sono stati in grado di studiare il 70% dello scafo. La nave mostra diversi elementi annotati da Erodoto. Vi sono, tuttavia, alcune incongruenze: l'imbarcazione descritta da Erodoto aveva tenoni più corti, che agivano come costole che tenevano insieme le assi di acacia dello scafo; e il baris di Erodoto non aveva strutture di rinforzo, mentre la Nave 17 ne ha di diverse.

"Erodoto descrive le barche con lunghe nervature interne. Nessuno sapeva davvero cosa significasse [...] Quella struttura non è mai stata vista archeologicamente prima", afferma l'archeologo Damian Robinson dell'Oxford Center for Maritime Archaeology. Secondo questi risultati, i ricercatori ritengono che la Nave 17 sia così vicina alla descrizione di Erodoto che avrebbe potuto essere costruita nello stesso cantiere.

Recentemente, una nave vichinga è stata scoperta sotto una fattoria. Si, avete letto bene.

Quanto è interessante?
2
Un'imbarcazione vecchia 2.500 anni sembra confermare un racconto di Erodoto