Incendi foresta amazzonica, gli appelli di Macron, Cristiano Ronaldo e Greta Thunberg

Incendi foresta amazzonica, gli appelli di Macron, Cristiano Ronaldo e Greta Thunberg
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Ad inizio settimana abbiamo dedicato ampio spazio agli incendi della foresta amazzonica del Brasile. Quest'oggi sono arrivati degli importanti attacchi ai danni del presidente del Brasile, Bolsonaro, da parte del collega francese Emmanuel Macron ma anche di Greta Thunberg.

Macron, in un tweet pubblicato sul proprio account ufficiale, ha osservato che "la nostra casa sta bruciando. Letteralmente. La foresta pluviale amazzonica, il polmone che produce il 20% dell'ossigeno del nostro pianeta, è in fiamma. E' una crisi internazionale. Membri del vertice del G7, discutiamo di questa emergenza tra due giorni! #ActForTheAmazon".

Un messaggio quanto mai esplicito ed indirizzato a Bolsonaro, in cui di fatto gli ha tolto ogni voce in capitolo. Il numero uno del Brasile non l'ha presa bene ed in una serie di tweet in cui cita esplicitamente Macron ha voluto ribadire la sovranità brasiliana sull'Amazzonia, dando del colonialista al presidente francese.

Anche il segretario generale dell'ONU, Antonio Guterres, si è detto "profondamente preoccupato. Nel mezzo della crisi climatica globale, non possiamo permetterci più danni a un'importante fonte di ossigeno e biodiversità. L'Amazzonia deve essere protetta".

Al coro si è aggiunto anche Cristiano Ronaldo, la star della Juve e del calcio mondiale che ha osservato come sia una "nostra responsabilità salvare il pianeta".

Non poteva mancare anche l'appello di Greta Thunberg, divenuta icona ambientalista grazie ai suoi Fridays for Future: la giovane ha lanciato un appello affinchè la gente manifesti davanti alle ambasciate ed i consolati del Brasile nel mondo.

Quanto è interessante?
7