Incidente Soyuz: a rischio le future missioni della Stazione Spaziale Internazionale

Incidente Soyuz: a rischio le future missioni della Stazione Spaziale Internazionale
di

Nella giornata di ieri vi abbiamo raccontato dell'incidente occorso ai due astronauti della NASA e Roscosmos durante le operazioni di lancio verso la Stazione Spaziale Internazionale, tanto che la missione è stata annullata ed i due sono stati costretti ad un atterraggio di emergenza-

Fortunatamente è stato evitato il peggio, ma quanto avvenuto nella giornata di ieri potrebbe mettere a serio rischio le future missioni della Stazione Spaziale Internazionale, almeno nel futuro immediato.

Dmitry Rogozin, l'amministratore delegato della Roscosmos ha annunciato che tutte le missioni dell'equipaggio verranno messe temporaneamente in attesa durante le indagini in corso sull'incidente di ieri. L'agenzia russa e la NASA stanno già cercando di fare lumi su quanto avvenuto, per determinare la causa dell'anomalia.

L'agenzia spaziale americana ha fatto sapere che "l'amministratore Jim Brindenstine ed il team stanno monitorando la situazione e stanno lavorando a stretto contatto con la Roscosmos per garantire il ritorno sicuro dell'equipaggio. La sicurezza dei due astronauti è una priorità massima per la NASA. Sarà anche condotta un'indagine approfondita sulla causa dell'incidente".

Si è trattato del primo fallimento del programma spaziale umano russo dal 1983, ma come dicevamo poco sopra le ripercussioni potrebbero essere importanti anche per la Stazione Spaziale Internazionale, dal momento che la navicella Soyuz è l'unica in grado di trasportare gli equipaggi sull'ISS, in attesa delle proposte di aziende private come SpaceX.

Resta da capire per quanto tempo la Soyuz sarà oggetto di verifiche, ma è chiaro che durante tale lasso di tempo non potranno essere effettuate missioni. A ciò si aggiungono le domande sul futuro dell'attuale equipaggio presente sull'ISS: l'astronauta americana Serena Auñón-Cancelliere, il comandante tedesco Alexander Gerst, ed il cosmonauta russo Sergey Prokopyev. I tre dovrebbero tornare a casa il 13 Dicembre, ma è probabile che la missione venga estesa. Ma per quanto tempo potranno restare in orbita?

I loro sostituti sarebbero dovuti partire il 20 Dicembre, ma allo stato attuale appare difficile ipotizzare un lancio per tale data.

FONTE: Wired
Quanto è interessante?
10

Acquista il puzzle 3D della Stazione Spaziale Internazionale su Amazon.it e divertiti a costruire il modellino della ISS!