L'incredibile Sushi bar di Cagliari con una cameriera robot

L'incredibile Sushi bar di Cagliari con una cameriera robot
di

Camerieri robot? Roba da film Sci-Fi o da ristorante asiatico. O forse no. Qualcosa inizia a vedersi anche in Italia. A Cagliari ha aperto un nuovo Sushi Bar dove le ordinazioni le prende Amy, un'androide. Non è nemmeno il primo bar con personale robot italiano a dirla tutta.

Il ristorante è il Jin Qui 2019, si trova in via Sonnino a Cagliari ed offre cucina giapponese. Il titolare è un uomo originario della Cina, si chiama Ma Jian ed ha 41 anni. Sposato con una sarda doc. Tant'è che lui sostiene che, il suo, sia proprio il primo matrimonio tra un cinese e una sarda. Sarà vero? Molto verosimile, dato che il suo matrimonio ha ben quattro lustri alle spalle.

Sta di fatto che Jian ci tiene molto ai record, tant'è che è rimasto molto rammaricato del fatto di non essere stato il primo ristoratore a mettere un robot a servizio della sala. "Se fosse arrivata subito", ha infatti spiegato all'Agenzia ANSA, "dato che l'ho ordinata due anni fa, sarebbe potuta essere la prima in Italia".

Il suo ruolo principale è quello di intrattenere e incuriosire i clienti. "L'ho presa come attrazione per i clienti, non sta togliendo occupazione a nessuno". E la robot Amy fa breccia soprattutto sugli adulti, che vogliono a tutti i costi farsi un selfie con lei.

Se poi non si vuole essere infastiditi dall'androide, basta toccarle un braccio per farla andare via.

Negli anni stiamo assistendo ad una presenza sempre più marcata dei robot negli ambienti di lavoro, non sempre con effetti positivi. Ad esempio un Hotel giapponese con soli robot è finito disastrosamente.

Ovviamente si parla molto pure dei rischi dell'automazione del lavoro, anche se una frangia della sinistra radicale sostiene che l'automazione potrebbe essere un bene. A patto che sia accompagnata da una forma di universal basic income.

FONTE: Ansa
Quanto è interessante?
1