Incredibile ma vero: il leader del gruppo di hacker Lapsus$ potrebbe essere un adolescente

Incredibile ma vero: il leader del gruppo di hacker Lapsus$ potrebbe essere un adolescente
di

Il gruppo di hacker Lapsus$, che negli ultimi tempi ha terrorizzato le compagnie tech (nella giornata di ieri Microsoft ha confermato l’attacco hacker di Lapsus$), potrebbe avere come leader un adolescente. E’ l’incredibile indiscrezione lanciata da Bloomberg.

In un nuovo rapporto pubblicato sul proprio sito web, l’agenzia di stampa spiega che “quattro ricercatori che hanno indagato sul gruppo di hacker Lapsus$, per conto di aziende che sono state attaccate, hanno affermato che la mente è da ricercare in un adolescente” che abita in Inghilterra. Questa persona utilizza i nickname “White” e “breakchbase” e non è indagato dalle forze dell’ordine o dai ricercatori in quanto nessuno è stato in grado di legarlo in modo definitivo e chiaro agli attacchi hacker di cui vi abbiamo dato conto negli ultimi giorni.

Nel profilo di Bloomberg si legge che l’adolescente vive a circa cinque miglia fuori dall’Università di Oxford. Nel rapporto si legge che un giornalista sarebbe riuscito a parlare con sua madre tramite un “citofono di casa” e la donna ha detto che non è a conoscenza delle presunte attività del figlio. “Si è rifiutata di parlare di suo figlio e non l’ha reso disponibile per un colloquio, ed ha minacciato di chiamare la Polizia” si legge nel rapporto.

Ovviamente, però, Lapsus$ non vede tra le sua fila solo questo adolescente: secondo quanto spiegato un altro membro risiederebbe in Brasile e sarebbe anch’esso un teenager. “Un altro membro è un hacker così capace che i ricercatori pensavano che il lavoro portato avanti fosse automatizzato” ha spiegato a Bloomberg un ricercatore che sta cercando di fare lumi sugli hacker.

Brian Krebs, esperto di sicurezza informatica, ha affermato che uno dei membri principali di Lapsus$ avrebbe acquistato il dominio Doxbin in cui le persone possono pubblicare o cercare informazioni personali di altre persone.

Tra le numerose vittime, anche NVIDIA è stata hackerata da Lapsus$: in quel caso i malviventi informatici avevan compromesso le credenziali di 71mila dipendenti.

FONTE: The Verge
Quanto è interessante?
6