Le incredibili immagini a colori della scoperta della tomba del re Tutankhamon nel 1922

Le incredibili immagini a colori della scoperta della tomba del re Tutankhamon nel 1922
di

Sono passati ben 98 anni dall'apertura della tomba del re Tutankhamon, avvenuta nel 1922. Dopo quasi un secolo, la tecnologia ha fatto un grandissimo passo avanti e le immagini scattate nei primi momenti della scoperta sono state recentemente restaurate a colori, mostrando in modo più dettagliato la sensazionale scoperta.

Le immagini in bianco e nero, scattate da Harry Burton, sono conservate presso il Griffith Institute, negli archivi dell'Università di Oxford. Il processo di colorizzazione, avvenuto grazie al Dynamichrome, utilizza strumenti digitali per ripristinare il danno che si presenta ai negativi originali nel tempo, innestando singoli strati di colore sulla fotografia in bianco e nero originale. Il Dynamichrome è stato utilizzato su immagini storiche di tutto il mondo.

Harry Burton era un egittologo e fotografo ingaggiato dalla spedizione egiziana del Metropolitan Museum per fotografare gli scavi in ​​diversi siti in Egitto, tra cui la scoperta della tomba di Tutankhamon fatta dall'archeologo britannico Howard Carter. Burton ha prodotto e stampato oltre 14.000 negativi in ​​vetro tra il 1914 e il 1940, l'anno della sua morte.

Tutankhamon, che assunse il comando della XVIII dinastia egizia a soli nove anni dopo la morte di suo padre, comandò il paese solo per nove anni, dal 1332 al 1323 a.C., prima di morire giovane, probabilmente a causa di malaria o di un'altra infezione, secondo uno studio del 2010 pubblicato sul Journal of American Medical Association. Il sarcofago di Tutankhamon era composto da tre bare "annidate l'una nell'altra". All'interno dell'ultima bara, fatta di oro massiccio, c'era la mummia del ragazzo-re, che si trova attualmente all'interno del Grand Egyptian Museum.

FONTE: iflscience
Quanto è interessante?
5
Mondo anticoMondo anticoMondo anticoMondo anticoMondo anticoMondo anticoMondo antico