Ecco l'inquietante e tetra melodia creata "musicalizzando" una ragnatela

di

Tutto può essere trasformato in musica, ma ci sono oggetti che si prestano a farlo in modo migliore rispetto agli altri. Un esempio è dato dalle incredibili opere dei ragni: le ragnatele. Alcuni anni fa, infatti, un team di scienziati aveva tradotto in musica la struttura tridimensionale di una ragnatela. L'opera è stata chiamata Spider's Canvas.

Una ricerca che, oltre a comprendere meglio l'architettura tridimensionale di una ragnatela, potrebbe anche aiutare gli addetti ai lavori a imparare il linguaggio vibrazionale dei ragni. "Queste creature vivono in un ambiente di corde vibranti", spiega l'ingegnere Markus Buehler del MIT. "Non vedono molto bene, quindi percepiscono il loro mondo attraverso le vibrazioni, che hanno frequenze diverse".

Le opere di questi aracnidi sono molto più complesse di quello che possiamo immaginarci. Nel nuovo studio, gli scienziati hanno esaminato la ragnatela di un esemplare di Cyrtophora citricola, per poi utilizzare un laser a foglio per illuminare e creare immagini ad alta definizione di sezioni trasversali 2D della ragnatela.

Un algoritmo appositamente sviluppato ha successivamente convertito queste sezioni in musica, dove diverse frequenze sonore sono state assegnate a diversi filoni. Le note così generate sono state suonate secondo degli schemi ben precisi e basati sulla struttura dell'opera del ragno.

"Stiamo cercando di generare segnali sintetici per parlare sostanzialmente la lingua dei ragni", afferma Buehler. "Se li esponiamo a determinati modelli di ritmi o vibrazioni, possiamo influenzare ciò che fanno e possiamo iniziare a comunicare con loro? Sono idee davvero emozionanti". A proposito, questa foto di un ragno gigante è vera?

Quanto è interessante?
2