Intel fiduciosa sulle GPU Battlemage: "produzione più spedita rispetto ad Arc Alchemist"

Intel fiduciosa sulle GPU Battlemage: 'produzione più spedita rispetto ad Arc Alchemist'
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Le Intel Arc A750 e A770 non sono ancora uscite sul mercato, ma già la stessa Intel sta iniziando a sbilanciarsi sulle GPU Intel Arc Battlemage del 2023-2024, spiegando che le schede sarebbero ad uno stadio decisamente avanzato della produzione.

Durante una Roundtable sulle GPU Intel Arc caricata su YouTube, infatti, in Vicepresidente di Intel e direttore della sezione AXG della compagnia Raja Koduri ha spiegato che "il grosso del team "silicon" [quello dedicato all'architettura e all'hardware delle schede] si è già spostato e sta già lavorando alle GPU Battlemage, mentre la fase di ingegneria [software] della piattaforma e delle sue risorse è già iniziata".

Sempre Koduri ha spiegato che le schede Battlemage sono ad uno stadio molto più avanzato di sviluppo rispetto alle GPU Arc Alchemist di prima generazione, a parità di distanza dal lancio: in altre parole, i lavori sulle schede video di nuova generazione di Intel starebbero procedendo molto più spediti di quelli sulle GPU in arrivo tra qualche settimana.

Le parole del Vicepresidente Esecutivo di Intel sono un sospiro di sollievo per i fan della compagnia, che negli scorsi mesi hanno dovuto scendere a compromessi con i numerosi rinvii e posticipi delle GPU Intel Arc, che ne hanno fatto slittare il lancio di diversi mesi e che sarebbero stati dovuti a problemi legati al software e ai driver. A quanto pare, come ampiamente prevedibile, le difficoltà non dovrebbero ripetersi con l'architettura Battlemage, che dovrebbe essere quella della "maturità" per Intel.

Infatti, pare proprio che le schede Intel Arc verranno prese come esempio, sia positivo che negativo, dai team di sviluppo del colosso di Santa Clara: sempre Koduri ha spiegato che "ora siamo alla seconda generazione. Per la prima, non c'erano dei buoni punti di riferimento per permetterci di fare comparazioni. Ora, però, abbiamo degli esempi, abbiamo dei precedenti".

FONTE: WCCFTech
Quanto è interessante?
2