Intel presenta i propri occhiali intelligenti. Confermate le indiscrezioni

di
Trovano conferma le indiscrezioni pubblicate da Bloomberg e The Verge la scorsa settimana. Intel, infatti, ha da poco lanciato la propria gamma di occhiali intelligenti battezzati Vaunt, come ampiamente preannunciato dalle due importanti testate.

La serie di occhiali intelligenti è caratterizzata da cornici in plastica che pesano meno di cinquanta grammi, un pò di più rispetto a quelli tradizionali, ma molto meno dei Google Glass. La tecnologia alla base è composta da un laser che brilla di rosso, bianco e nero e proietta negli occhi un'immagine di 400x150 pixel. Rispetto a quanto ipotizzato, però, gli occhiali non contengono alcuna fotocamera, il che farà dormire sogni tranquilli coloro che avevano posto diverse questioni dulla privacy.

Vault si prepone l'obiettivo di fornire agli utenti notifiche in modo semplice ed efficace, e secondo Intel saranno più facili da controllare anche rispetto agli smartwatch. in una demo, la compagnia di Santa Clara ha dimostrato che si può accedere a diverse informazioni su una determinata persona (compleanno, dati anagrafici ed altro) mentre si sta chattando al telefono. I sensori di movimento sono anche in grado di rilevare la posizione: se capisce che l'utente è in cucina, ad esempio, fornirà ricette o una lista della spesa.

Mark Eastwood di Intel, parlando con The Verge, ha voluto immediatamente allontanare le possibili critiche sulla presenza del laser, ed ha affermato che "la potenza è così bassa che è addirittura inferiore ad un laser classico". Il display non è nemmeno visibile se non lo si guarda, il che vuol dire che è estremamente piccolo per chi li indossa. Inoltre, è sempre attivata la messa a fuoco, indipendentemente se si indossano occhiali da vista o meno.

Altre caratteristiche interessanti includono un modulo Bluetooth che permette di collegarli allo smartphone, un processore per le applicazioni, una bussola ed accelerometro ed un microfono perfettamente compatibile con gli assistenti vocali Alexa e Siri.

Intel ha affermato che permetterà agli utenti di controllare gli occhiali senza "alcun costo sociale", quindi si potrà interagire con il dispositivo attraverso dei semplici cenni della testa o altri gesti.

La compagnia di Santa Clara ha però voluto porre l'accento sull'importanza che avranno per il progetto Vaunt gli OEM, lasciando intendere che adotterà una strategia simile a quella di hardware e PC.

Per quanto riguarda le app, Intel ha sottolineato che si tratterà di una piattaforma aperta, e metterà agli sviluppatori gli SKD per poter creare le proprie app e soprattutto capire le potenzialità.

FONTE: Engadget
Quanto è interessante?
5