Un giorno l'intelligenza artificiale sostituirà i musicisti?

Un giorno l'intelligenza artificiale sostituirà i musicisti?
di

Le intelligenze artificiali sono strumenti davvero potenti che, nelle giuste mani, potrebbero essere davvero utilissime. I loro usi sono molteplici e, in futuro, la loro diffusione avverrà sicuramente a macchia d'olio. Prossimamente, molto probabilmente, questi software diventeranno imprescindibili nella musica.

Pensate, infatti, che l'intelligenza artificiale è stata utilizzata per creare la musica ufficiale delle Olimpiadi di Tokyo 2020; il software Intel ha esplorato migliaia di brani musicali che riflettevano temi di sport, cultura giapponese, vita quotidiana e natura, per comporre centinaia di opzioni, e la versione finale è stata poi scelta dal pubblico giapponese.

L'intelligenza artificiale e la musica stanno diventando sempre più affiatate. JukeDeck, una start-up che miscela perfettamente musica e IA, è stata recentemente acquisita da TikTok, poiché il loro software interpreta automaticamente i video dell'app più scaricata del mondo e imposta la musica su di essi.

Sono, inoltre, tantissimi gli artisti che stanno utilizzando questi software per creare nuove melodie mai ascoltate prima, come Grimes nella traccia So Heavy I Fell Through the Earth – Art Mix, mentre altri addirittura interi album (come Taryn Southern con I AM AI). Insomma, sembra scontato affermare che in futuro l'intelligenza artificiale acquisirà sempre più spazio nel mondo della musica.

Potrà mai prendere il posto degli umani? Difficile a dirlo, poiché si tratta semplicemente di uno strumento - potentissimo, ma sempre uno strumento - che se usato nel mondo giusto può dare tantissime soddisfazioni.

Quanto è interessante?
1