iPhone 7 Plus contro Google Pixel XL: stesso prezzo con hardware dimezzato?

di

Quando Google ha annunciato un evento per il 4 ottobre, l’hype degli appassionati è salito alle stelle. Si aspettavano infatti due telefoni chiave della nuova strategia di Big G, i Google Pixel, che tagliavano definitivamente i ponti con i precedenti Nexus.

Qualcosa però nella serata di presentazione non è andata per il verso giusto: il prezzo dei due dispositivi è parso subito troppo elevato. Il Google Pixel XL ad esempio arriva a costare esattamente quanto un iPhone 7 Plus (oltre i 1.000 euro in Europa), la polemica però nasce dal fatto che fra i due dispositivi c’è un piccolo abisso a livello hardware, cosa che fa storcere ancor di più il naso per il prezzo proposto da Mountain View.

Andiamo con ordine: sulla carta i processori montati nei due telefoni rivali sono molto diversi, nei primi benchmark l’A10 Fusion di Apple ha lasciato parecchio indietro lo Snapdragon 821 del Pixel XL. Probabilmente la differenza non sarà sostanziale nell’uso quotidiano, ma certamente iPhone 7 Plus garantisce un investimento più a lungo termine del prodotto di Google.

Passando al comparto fotografico, senza nemmeno scendere in dettagli tecnici, iPhone 7 Plus parte obiettivamente avvantaggiato per via della sua doppia fotocamera. Per la prima volta in ambito smartphone, un produttore ha proposto al suo pubblico una classica camera grandangolare affiancata da una a focale media, utile a ingrandire l’inquadratura di 2x. Il Pixel XL ne presenta una sola, di ottima qualità certo, ma che già ha fatto sollevare qualche dubbio. DXOMark, che la stessa sera della presentazione ha lodato la qualità di questa fotocamera, ha anche ammesso che in confronto al Samsung Galaxy S7 (i dati di iPhone 7 Plus sono mancanti, al momento) c’è una perdita di dettaglio nei soggetti in ombra notevole (e l’S7 ormai si trova sul mercato alla metà del Pixel XL).

Tornando allo scontro con iPhone 7 Plus, anche guardando agli schermi il confronto regge poco: DisplayMate ha valutato lo schermo del nuovo melafonino come uno dei migliori sul mercato. Mancano ancora i dati del Pixel XL, ma già in partenza Android non supporta il range di colori DCI-P3, cosa che invece fanno iPhone 7 e 7 Plus grazie a iOS 10, dunque il divario sarà in ogni caso marcato.
Continuando a smontare i due telefoni pezzo per pezzo, il Pixel XL non presenta un Taptic Engine o uno schermo sensibile alla pressione. Questo significa che il Googlefonino non ha feedback di pressione e non offre nulla che possa ricordare il 3D Touch di Apple.

Dulcis in fundo: l’audio stereo e la resistenza ai liquidi. iPhone 7 Plus ha un primo speaker nella parte inferiore e un secondo al posto dell’auricolare, che in modalità landscape forniscono insieme un suono stereofonico. Il Pixel XL ha un normale speaker mono. Per quanto riguarda la resistenza alla polvere e all'acqua, iPhone 7 Plus offre una certificazione IP67, che permette di immergere lo smartphone senza problemi fino a 1m per trenta minuti, mentre il Pixel XL si ferma alla IP53, che offre una resistenza ai liquidi solo parziale. Chiaramente uno smartphone non è fatto di solo hardware, anche di esperienza utente, ma chissà, questi Google Pixel avrebbero potuto (o dovuto) costare un pochino di meno?

Quanto è interessante?
0
iPhone 7 Plus contro Google Pixel XL: stesso prezzo con hardware dimezzato?