iPhone è un indicatore di ricchezza, lo sostengono alcuni ricercatori

iPhone è un indicatore di ricchezza, lo sostengono alcuni ricercatori
di

Possedere un iPhone o iPad è un indicatore di ricchezza. A rivelarlo uno studio del National Bureau of Economic Research, che in un documento diffuso indica come entrambi i dispositivi di Apple siano simboli di ricchezza, molto più di altri marchi e prodotti.

Il documento, battezzato "Coming Apart? Cultural Distances in the United States over Time", è stato diffuso dagli economisti dell'Università di Chicago, Marianne Bertrand ed Emir Kamenica, ed analizza le tendenze tra gruppi tenendo conto di reddito, istruzione, genere, razza ed ideologia politica. Il Business Insider riferisce che parte del documento copre l'utilizzo di marchi da parte di persone con diversi livelli di ricchezza nel 1992, 2004 e 2016, con i dispositivi iOS che sono risultati essere in cima nell'anno più recente.

Secondo i dati, nei casi in cui l'intervistato ha dichiarato di possedere un iPhone, nel 69,1 per cento dei casi si è trattato di persone con "un reddito elevato", che rientra nella prima fascia. Un iPad ha fornito una percentuale di possibilità del 66,9 per cento, mentre per Android tale dato scende al 59,5 per cento.

I risultati del 2004 evidenziano anche come vi sia stato un cambio di rotta incredibile rispetto al 2016, anche a livello di altri accessori tecnologici come stampanti, fax, televisori Samsung, Toshiba ed altro.

Sempre nel 2016, gli iPhone ed iPad sono di gran lunga superiori rispetto agli indicatori degli altri anni. I ricercatori sottolineano che "negli anni precedenti, nessun marchio individuale è risultato essere indice predittivo di reddito elevato come l'iPhone di Apple".

Bisogna, ovviamente, anche tenere in considerazione la metodologia: i ricercatori hanno reperito i dati da Mediamark Research Intelligence, che li ha ottenuti da questionari biannuali, su un campione di 6.394 intervistati.

Quanto è interessante?
6
iPhone è un indicatore di ricchezza, lo sostengono alcuni ricercatori