di

A pochi giorni dal debutto dei nuovi iPhone XS ed iPhone XS Max, i ragazzi di iFixit hanno pubblicato in rete il teardown dei dispositivi, svelando le novità introdotte dal colosso di Cupertino a livello progettuale.

Novità che, evidentemente, sono davvero poche.

A livello di componenti interne iPhone XS è molto simile al suo predecessore, l'iPhone X dello scorso anno, ma una delle caratteristiche più interessanti sembra essere la batteria.

L'iPhone XS infatti sfoggia una batteria da 10,13 Wh (2.659 mAh a 3,81 V) contro i 10,35 Wh del predecessore (2.716 mAh a 3,81 V), ma il tutto è compensato da una nuova configurazione, perchè non sono presenti due batterie attaccate ad L, come vi abbiamo ampiamente raccontato lo scorso anno, ma una batteria a cella singola, sempre ad L.

L'iPhone XS Max invece conservare la vecchia configurazione a due batterie attaccate, che era stata a lungo criticata lo scorso. Sempre sul Max è stato ridimensionato il Taptic Engine, ma evidentemente dovrebbe garantire vibrazioni più potenti sulla superficie più ampia. La memoria interna da 64 gigabyte è fornita da Toshiba.

I ragazzi di iFixit, nel rapporto pubblicato a questo indirizzo sostengono che l'impermeabilizzazione potrebbe complicare alcune riparazioni, ma rendono meno difficili effettuare sostituzioni da danni provocati da liquidi tipo l'acqua. Un display rotto potrebbe invece essere sostituito senza rimuovere il sistema di riconoscimento biometrico, mentre in caso di rottura del vetro anteriore il più delle volte potrebbe essere necessaria la sostituzione dell'intero chassis.

FONTE: Engadget
Quanto è interessante?
6
iPhone XS ed iPhone XS Max smontati da iFixit: c'è la novità batteria