Le Isole Marshall hanno livelli di radiazione più alti di quelli di Chernobyl e Fukushima

Le Isole Marshall hanno livelli di radiazione più alti di quelli di Chernobyl e Fukushima
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Le Isole Marshall, il sito dove sono stati testati 67 ordigni nucleari negli anni '40 e 50', hanno dei livelli allarmanti di radiazioni, con alcune zone che superano perfino Fukushima e Chernobyl.

Dal 1946 al 1958, gli Stati Uniti condussero 67 test nucleari: 23 nell'Atollo di Bikini e 44 vicino all'Atollo di Enewetak. Gli esiti delle prove però, si diffusero in tutte le Isole Marshall, una serie di atolli situati a nord dell'equatore tra Hawaii e Australia.

Gran parte delle isole sono disabitate e lo saranno ancora per moltissimo tempo, secondo tre nuovi studi pubblicati oggi nei Proceedings of the National Academy of Sciences. Un gruppo di ricerca guidato del Center for Nuclear Studies, della Columbia University, ha rilevato livelli pericolosi di radiazioni nel suolo, nei sedimenti oceanici e nei frutti di queste aree contaminate.

Per il primo studio, i ricercatori hanno misurato la radiazione gamma di fondo in campioni di suolo prelevati da quattro atolli nel 2017 e 2018: Bikini, Enewetak, Rongelap e Utirik. Su Bikini i livelli di radiazione raggiungevano i 648 millirem all'anno, mentre su Naen 460 millirem. Livelli altissimi, visto che l'esposizione sicura alle radiazioni è di 100 millirem all'anno (secondo la convenzione USA-Repubblica delle Isole Marshall).

Questi livelli sono "significativamente più alti" delle "aree colpite dagli incidenti di Chernobyl e Fukushima", scrivono gli autori dello studio. Per il secondo articolo, i ricercatori hanno esplorato il cratere causato dal Castle bravo, il più potente test nucleare mai condotto dagli Stati Uniti, avvenuto il 1° marzo 1954.

L'esplosione di 15 megatoni ha vaporizzato la terra sottostante, formando un cratere di 1.5 chilometri di larghezza, e di 75 metri di profondità sull'atollo di Bikini. L'esplosione di tale ordigno, oltre a trasportare particelle radioattive in quasi tutto il mondo, ha creato sedimenti radioattivi che dureranno per secoli.

Mentre il terzo articolo si è focalizzato sull'analisi dei frutti. Nelle ricerche, è emerso infatti che 11 isole hanno livelli di radiazioni troppo alte nelle noci di cocco e nei frutti del pandano, superando i limiti stabiliti da diversi paesi. Con dei valori che, ancora una volta, superano quelli di Fukushima e Chernobyl.

FONTE: gizmodo
Quanto è interessante?
5