Jeff Bezos, che botta: multa da record per Amazon, mentre Blue Origin "perde" con SpaceX

Jeff Bezos, che botta: multa da record per Amazon, mentre Blue Origin 'perde' con SpaceX
di

Quella del 30 luglio 2021 è una giornata da dimenticare per Jeff Bezos. Infatti, il fondatore di Amazon e Blue Origin ha ricevuto "cattive notizie" per entrambe le sue società. Più precisamente, Amazon potrebbe dover pagare circa 886 milioni di dollari, mentre Blue Origin ha "perso" la sua protesta contro SpaceX.

Partendo da Amazon, stando anche a quanto riportato da Gizmodo, l'azienda da poco in mano ad Andy Jassy (Bezos resta comunque il primo azionista) potrebbe presto essere costretta a pagare circa il 4% dell'utile netto dichiarato nel 2020 (che ammonta a 21,3 miliardi di dollari). Il motivo? Alcune pratiche pubblicitarie che non "rispetterebbero" il GDPR europeo.

In parole povere, in Lussemburgo una commissione per la protezione dei dati ha stabilito che il modo in cui Amazon mostra ai clienti pubblicità pertinenti non sarebbe in linea con quanto stabilito dal regolamento generale sulla protezione dei dati. Un portavoce di Amazon ha definito la sanzione proposta come "completamente sproporzionata" e sembra proprio che la società abbia intenzione di presentare ricorso.

Per quel che riguarda, invece, Blue Origin, stando anche a quanto riportato da Engadget e Wccftech, Bezos e soci hanno a quanto pare "perso" la protesta contro l'assegnazione a SpaceX da parte della NASA del progetto del lander lunare. Infatti, il GAO (Government Accountability Office) ha definito la scelta dell'Agenzia Spaziale come "ragionevole e coerente con la legge sugli appalti applicabile, il regolamento e i termini dell'annuncio".

Insomma, a dieci giorni esatti dal viaggio nello Spazio, Bezos non ha avuto una giornata altrettanto "felice".

FONTE: Endgadget
Quanto è interessante?
8
Jeff Bezos, che botta: multa da record per Amazon, mentre Blue Origin 'perde' con SpaceX