Jimmy Iovine lancia l'allarme: "la situazione per i servizi di streaming è tragica"

di
Il capo di Apple Music, Jimmy Iovine, di recente è stato intervistato da Billboard, la testata giornalistica specializzata nel settore musicale, con cui ha parlato ovviamente di tutto quanto concerne lo streaming musicale.

Iovine non ha esitato a lanciare un allarme: "i servizi di streaming stanno vivendo una situazione tragica. Non c'è margine di guadagno e non stanno generando soldi. Amazon vende Prime, Apple vende smartphone ed iPad. Spotify sta cercando di capire come fare altro denaro. Se domani mattina il CEO di Amazon Jeff Bezos si sveglia e decide di mettere la musica a 7,99 Dollari, indovinate cosa succede?"

La musica in streaming, secondo Iovine, è complementare per grosse aziende come Amazon, Apple e Google, mentre non è un grosso business per aziende come Spotify, che "deve ancora capire come renderlo un vero e proprio core business".

Iovine ha anche spiegato che l'industria discografica ancora non ha capito la direzione in cui la sta portando la tecnologia, e come la situazione potrebbe cambiare con il debutto di nuovi software ed hardware. Chiaramente il riferimento è ai vinili, le cassette ed i CD, secondo cui "ancora non hanno un ruolo".

Il dirigente Apple ha comunque sottolineato che lo streaming musicale non può essere confrontato con quello televisivo, come Netflix, in quanto le piattaforme come Spotify offrono tutte lo stesso tipo di contenuto, ecco perchè Apple con Apple Music si sta concentrando sulle esclusive, per attirare quanti più utenti possibili.