L'AGCOM contro le compagnie telefoniche: gli utenti possono scegliere il modem

di
Arriva una stretta per le compagnie telefoniche dall'AgCom sulla questione relativa alla libertà di scelta dei modem per i consumatori. Il Garante per le Comunicazioni, infatti, intende permettere agli utenti e famiglie di poter scegliere senza alcun ostacolo il modem o router da poter utilizzare per effettuare la connessione ad internet.

A riportarlo Repubblica, secondo cui l'AgCom avrebbe intenzione di investigare sulle pratiche commerciali messe in atto dalle compagnie telefoniche che, come abbiamo già discusso più volte su queste pagine, spesso obbligano i consumatori ad utilizzare i propri modem per collegarsi ad internet.

Sotto la lente dei commissari sono finite le così dette "restrizioni contrattuali" relative alla scelta degli apparati. L'AgCom intende rendere operativo il regolamento 2015/2120 dell'Unione Europea che afferma la sovranità del consumatore di adottare, in nome della neutralità della rete, il terminale preferito per effettuare la connessione.

Il percorso però si appresta ad essere lungo e sarà articolato su più tappe. Sarà innanzitutto avviata una sorta di consultazione pubblica che permetterà ai commissari di ottenere quante più informazioni possibili, anche da parte delle compagnie telefoniche, i produttori di router, le catene di distribuzione, le associazioni dei consumatori ed ovviamente i clienti finali. Tale consultazione durerà trenta giorni, dopo di che il Garante provvederà alla stesura del provvedimenti.

Il commissario dell'AgCom, Antonio Nicita, ha comunque precisato che il pacchetto offerto dagli operatori non è vietato, in quanto le compagnie telefoniche hanno il diritto di proporre agli utenti il proprio modem per permettere loro di accedere ad internet, in cambio di un servizio di assistenza a casa ed una maggiore semplicità d'uso per gli utenti meno esperti. Alla base della questione ci sta l'imposizione da parte di alcune società telefoniche, che dal loro canto non possono imporre un modem come condizione per fornire l'accesso ad internet, ma tanto meno possono scaricare "costi capestro" sul cliente che si rifiuta di adottare i suddetti modem. Inoltre, è anche vietato negare agli utenti l'accesso a servizi accessori (come Skype o TV) in caso di rifiuto del modem.

Quanto è interessante?
8