L'AGCOM rinvia al 2019 la normativa sul modem libero. Proteste di utenti ed associazioni

L'AGCOM rinvia al 2019 la normativa sul modem libero. Proteste di utenti ed associazioni
di

Ricordate la normativa sul modem libero di cui vi avevamo parlato su queste pagine qualche mese fa e che sarebbe dovuta entrare in vigore entro Novembre? Il Garante ha rinviato il tutto a fine anno, salvo ulteriori deroghe.

Il Garante delle Comunicazioni, secondo quanto riferito da Repubblica, avrebbe rinviato a fine dicembre l'entrata in vigore della normativa, a cui si aggiungo altre possibile deroghe che potrebbero spingere in avanti quello che è stato definito un sacrosanto diritto per i consumatori. Le associazioni dei consumatori e gli utenti finali però non ci stanno, ed hanno già mostrato il loro disappunto nei confronti di quella che viene definita una decisione assurda ed allo stesso tempo strategica.

Ivo Tarantino, il responsabile per le relazioni esterne di Altroconsumo, in una dichiarazione afferma che "non ci fa piacere che siano i consumatori a pagare per i problemi degli operatori ad adeguarsi alle decisioni delle autorità". A quanto pare infatti sarebbero stati gli operatori telefonici ad aver chiesto (ed a questo punto ottenuto) la deroga da parte dell'Agcom, a causa di alcuni problemi con l'adeguamento.

"Ci auguriamo che il modem non diventi il nuovo affaire tariffe a 28 giorni, in cui tra un rimando e un altro, i consumatori aspettano di far valere i loro diritti da oltre un anno" ha concluso duramente Tarantino, in relazione a quanto successo all'inizio dell'anno con il sistema di fatturazione mensile.

La Free Modem Association ha notato come gli operatori telefonici stiano violando un diritto dei consumatori già da due anni, e abbiano già avuto abbastanza tempo per adeguarsi.

Quanto è interessante?
6

Il caffè di Starbucks a casa tua con le pratiche capsule in vendita su Amazon.it, compatibili con le macchine espresso delle principali marche.